Formazione 4 settembre 2017

Università, al via il test d’accesso a Medicina 2017: Come tutelarsi e vincere l’ansia

Il fatidico giorno del test nazionale per la facoltà di Medicina e Chirurgia è arrivato: il 5 settembre infatti, 66.907 ragazzi proveranno a superare la temutissima prova d’ingresso

Immagine articolo

Quest’anno, la lotta sarà ancora più dura. I posti disponibili per iscriversi alla Facoltà di Medicina e Chirurgia, infatti, sono 9100 a livello nazionale: 124 in meno rispetto al 2016 e oltre 400 riguardo al 2015. Questo vuol dire che solo 1 candidato su 7 riuscirà ad immatricolarsi (sul sito del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, è possibile consultare l’elenco della suddivisione dei posti per i singoli atenei).

LEGGI ANCHE AL VIA I TEST PER L’ACCESSO A MEDICINA: SOLO UN CANDIDATO SU SETTE CE LA FARÀ. ECCO TUTTI I NUMERI

L’aumento del numero dei candidati, accompagnato dalla diminuzione dei posti disponibili, rende la prova decisamente ardua.  E più si avvicina il momento, più sale “l’ansia da esame”: notti in bianco, insicurezze, difficoltà di concentrazione, problemi di memoria, paura di aver studiato poco. Come vincere la tensione? Ecco qualche “prezioso” consiglio consultabile al sito www.numerochiuso.info, lo sportello virtuale per chiarire i dubbi e dare supporto in vista di una prova che si preannuncia sempre più selettiva.

  • Per non arrivare alla prova in balìa di stress e ansia, sì alle simulazioni online e ai gruppi di studio per ripassare insieme: sono un’occasione per confrontarsi, chiarire le ultime incertezze e mettersi alla prova
  • Il giorno del test, occhi aperti su scheda anagrafica e modulo delle risposte; la mancata compilazione della prima, come è successo lo scorso anno, porta all’annullamento delle prove
  • Ѐ opportuno prestare attenzione anche al foglio delle risposte che può essere invalidato in caso di segni o scarabocchi. Il suggerimento è prendere appunti su un foglio di brutta e inserire solo alla fine le soluzioni sul modulo originale.
  • Ѐ raccomandabile leggere brevemente l’intero questionario (due minuti) e rispondere prima ai quesiti che si conoscono per poi dedicarsi a quelli più insidiosi
  • Attenzione a violazioni ed anomalie

Le più frequenti riscontrate in sede d’esame negli anni scorsi sono state: utilizzo di smartphone, tempi di consegna non rispettati, violazione dell’anonimato dei partecipanti e dell’obbligo di segretezza circa il contenuto delle domande. Infrazioni che hanno convinto molti universitari che non avevano superato il test a muoversi legalmente per portare avanti il sogno di diventare medici.

VAI ALLA GALLERY SUL SITO WWW.NUMEROCHIUSO.INFO

Cosa fare, infatti, se si riscontrano irregolarità tali da pregiudicare l’esito del test d’ammissione? www.numerochiuso.info corre in aiuto di tutti gli aspiranti medici: l’obiettivo del portale è raccogliere segnalazioni su eventuali trasgressioni o inadempienze, garantire supporto e fornire informazioni su come tutelarsi.

Attiva anche una pagina Facebook che riunisce gli studenti contrari al numero chiuso per le facoltà medico-sanitarie: è stata anche lanciata una campagna social attraverso l’hashtag #AccessoNegato.

Che dire di più?  Mantenere la calma, fare un respiro profondo e liberarsi dai pensieri inutili: massima concentrazione e buona fortuna a tutti.

 

Articoli correlati
Tra rabbia e speranza, gli aspiranti specializzandi dopo il concorso: «Domande più difficili e troppo nozionistiche»
«Vedevo i computer dei miei vicini, c’era confusione ma nessuno è stato ripreso». Alcuni candidati si sfogano, altri con le dita incrociate sperano di entrare nella scuola che sognano. Per tutti le borse sono poche, per molti la struttura del concorso andrebbe modificata. Interviene il Ministro Grillo: «Revisioneremo il sistema di formazione medica post-laurea»
Scuole di specializzazione, aumentano i contratti: per il prossimo anno accademico sono 6934. Martedì la prova nazionale
Il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca Marco Bussetti ha firmato il decreto. Rispetto allo scorso anno, previsti 259 posti in più, ma per la FNOMCeO sono ancora troppo pochi e non distribuiti in modo uniforme sul territorio nazionale: «Di questo passo le Regioni più in difficoltà offriranno sempre minori servizi alla popolazione. È necessaria una gara di solidarietà tra Regioni»
Numero chiuso, 800 posti in più a Medicina. Gaudio (Sapienza): «Necessari per far fronte a carenza medici»
Saranno 9779 gli aspiranti camici bianchi che potranno immatricolarsi in autunno. Comunicate anche le date dei test: si inizia il 4 settembre con Medicina e Odontoiatria, il 5 con Veterinaria, il 12 sarà la volta delle Professioni sanitarie ed il 13 dei corsi in inglese
Vaccini, Burioni contro l’autocertificazione: «Per la palestra presento un certificato medico e se mi sento male l’unico danneggiato sono io…»
L'iniziativa del Ministero - che semplifica le procedure burocratiche sulle vaccinazioni - non trova il parere favorevole di Roberto Burioni. Il virologo esprime le sue perplessità sul suo profilo Facebook
Osteopatia e chiropratica sono professioni sanitarie? De Sena (Simmfir): «La legge c’è, mancano i decreti attuativi»
Avrebbero dovuto attenere il riconoscimento, al pari degli ostetrici, dei tecnici di radiologia o degli infermieri, già prima di questa estate. Almeno stando alla legge 11 gennaio 2018 n. 3. Ma mancano i decreti attuativi. L’intervista a Giampaolo de Sena vice segretario del Sindacato Italiano Medici di Medicina Fisica e Riabilitativa
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Salute

Autismo e nuovi Lea, Marino (Fia): «Ancora due anni per attuazione, ma autistici diventeranno una categoria protetta»

«Grazie ai nuovi Lea i pazienti autistici potranno finalmente ricevere l’assistenza adeguata alla propria patologia, così come prescritto dalle Linee Guida per l’Autismo. Necessario mezzo miliar...
di Isabella Faggiano