Formazione 19 ottobre 2016

Sanzioni ECM, parla il medico competente depennato: «Ho perso tanto, danni economici e professionali»

La testimonianza di un medico competente, prima cancellato dall’elenco perché non in regola con gli obblighi formativi e poi riammesso: «Dopo l’esclusione ho perso sedi di competenza e sono stato sostituito. Un danno di oltre 20mila euro»

Educazione continua in medicina, anche questo triennio è agli sgoccioli ed è partita la rincorsa affannosa al conseguimento degli ultimi crediti formativi. Onde evitare i provvedimenti disciplinari conseguenti alla violazione della normativa, i camici bianchi devono, entro il 31 dicembre, terminare gli aggiornamenti. Vale la pena ricordare le sanzioni disciplinari in cui sono incappati circa 5mila medici competenti nel triennio 2011-2013 che per non aver conseguito la formazione obbligatoria richiesta, oltre i danni economici e la perdita della fiducia nel rapporto con i pazienti, sono stati depennati dagli elenchi ministeriali.

A questo proposito Sanità Informazione ha ascoltato la testimonianza di Ugo Esposito, uno dei 5mila medici competenti depennati dagli elenchi del Ministero perché inadempiente rispetto alla formazione obbligatoria. Il dottor Esposito ha poi recuperato il suo posto negli elenchi completando numerosi corsi Fad, ma l’esperienza ha lasciato strascichi non proprio piacevoli: «I provvedimenti disciplinari in cui sono incappato per non aver terminato la formazione obbligatoria mi hanno creato dei danni economici rilevanti – racconta il medico del lavoro -. Molte aziende appena visto il depennamento del mio nome dall’elenco del Ministero, non mi hanno più chiamato e oltre a perdere sedi di competenza sono stato anche sostituito da altri professionisti».

Il medico ribadisce che le conseguenze disciplinari attuate nei suoi confronti gli hanno procurato un grosso danno: «Economicamente parlando ho subito una perdita di 20mila euro. Ma il danno non è stato solo finanziario, – prosegue – ma anche morale. Subire la cancellazione dagli elenchi perché nell’anno 2011 ero in difetto di 50 crediti formativi è grave».

Articoli correlati
Responsabilità professionale, Biondi (OMCeO Catania): «Formazione requisito per assicurazioni»
Antonio Biondi, Vicepresidente dell'Ordine di Catania sulla Legge Gelli: «Allo stato attuale, un’assicurazione che riconosca che il medico non si è adeguatamente formato, potrebbe anche non riconoscere la sua assicurazione»
Menopausa, tiroide, osteoporosi e diabete: da AME formazione e aggiornamento sulla salute della donna
Menopausa, ipotiroidismo, ipertiroidismo, osteoporosi: malattie di grande impatto che prediligono il genere femminile; il diabete, che in realtà si distribuisce equamente tra i generi, aumenta nella donna il rischio di coronaropatie del 40% rispetto alla controparte maschile. Malattie per cui l’endocrinologo è il punto di riferimento perché nonostante siano diverse per sintomatologia sono tutte legate […]
Costantino Troise (Anaao Assomed): «Legge Gelli positiva. Con Linee Guida importante aggiornamento»
Il segretario nazionale di Anaao Assomed: «Su Responsabilità professionale un passo avanti per il sistema sanitario frutto di un impegno che portiamo avanti da oltre 10 anni. Con l’importanza delle linee guida stabilita nella legge è fondamentale non limitarsi semplicemente ad una rivisitazione scolastica della formazione»
«Puntare su giovani e formazione ECM» ecco la missione di Orazio Schillaci, nuovo Presidente AIMN
La nomina è arrivata al termine del XIII Congresso Nazionale AIMN a Rimini. Orazio Schillaci, Preside della Facoltà di Medicina dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata: «Guiderò una realtà che ha più di 25 anni, lavorerò per i giovani e per garantire loro lavoro e preparazione opportuna per migliorare le terapie»
La sanità del futuro secondo i pentastellati. Luigi Gaetti: «Prevenzione, risparmio e formazione»
Ridisegnare la sanità nell'ottica della meritocrazia «pagare la salute e non la malattia» . Dirette ed efficaci le proposte di Luigi Gaetti, membro della Commissione Igiene e Sanità per il Movimento 5 Stelle. Responsabilità professionale? «Un grande passo avanti per i camici bianchi e per i cittadini»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...