Formazione 31 marzo 2015

Quando la Formazione a Distanza avvicina medico e paziente 

La dottoressa Lucilla Ricottini, counselor e formatore sanitario, illustra le nuove tecniche della comunicazione in medicina

Immagine articolo

Comunicare, formare, informare. Tre parole chiave per identificare quel “quid” che caratterizza la professione – e la professionalità – medica, in aggiunta alle necessarie competenze tecnico – scientifiche. La relazione tra il medico ed il paziente assume sempre più importanza e richiede ormai, per i camici bianchi, una vera e propria formazione ad hoc.

La dottoressa Lucilla Ricottini, counselor e formatore sanitario oltre che medico, ha spiegato ai microfoni di Sanità Informazione come le nuove tecnologie, applicate all’ambito medico – formativo, possono ottimizzare il raggiungimento di alcune skills fondamentali per migliorare il rapporto medico – paziente, ed influire positivamente sull’esito terapeutico.

La formazione è importante nel mondo medico, soprattutto se unita alla comunicazione.
E’ verissimo, soprattutto perché per noi medici la comunicazione risulta sempre implicita nella relazione con il paziente. La relazione medico – paziente – la compliance,  è infatti importantissima al fine della riuscita della terapia; se il paziente è rassicurato dalla relazione con il medico, potenzia la risposta del suo organismo. E’ evidente quindi che prestare particolare attenzione all’aspetto relazionale e comunicativo incrementa l’efficacia terapeutica. Altro aspetto fondamentale è la comunicazione tra colleghi: una formazione che preveda contenuti riguardanti la relazione tra colleghi aiuta la professionalità e la crescita individuale.

Le nuove tecnologie vengono incontro ai processi di comunicazione e lo fanno, ad esempio, con la Formazione a Distanza: uno strumento che permette, in questo campo, un’efficacia particolare…
Sicuramente: per chi opera in ambito sanitario ed è quindi impegnato coi turni, la carenza di tempo renderebbe molto difficoltosa la formazione continua. Per fortuna, invece, la Formazione a Distanza permette non solo di usufruirne nei momenti più congeniali, ma di poter tornare più volte sullo stesso argomento per poterlo meglio assimilare. Credo che sia uno strumento più che prezioso, direi indispensabile.

In quest’ottica è stato pensato e realizzato un apposito corso FAD per i medici. In cosa consiste?
Questo corso fornirà delle competenze di base in counseling sanitario. Ciò significa che permetterà di acquisire delle capacità di ascolto empatico per entrare in contatto – in modo rapido ed efficace – con il paziente, attraverso l’uso della riformulazione, dell’ascolto attivo, e di altre tecniche che il corso approfondisce nel dettaglio. Il corso, inoltre, informerà in modo molto chiaro sulla relazione tra neuroscienze e capacità comunicative, permettendo quindi di comprendere le basi neuroscientifiche della comunicazione per usarla in modo più consapevole, e più soddisfacente.

Articoli correlati
Pazienti a rischio suicidio, come prevenire e superare shock. Innamorati (psicoterapeuta): «Occorre formazione per tutti reparti»
«Non bisogna pensare che solo i pazienti ricoverati in psichiatria possono compiere gesti estremi, per questo tutti i medici e gli operatori – di qualsiasi settore - devono essere preparati» ai microfoni di Sanità Informazione Marco Innamorati, psicologo e psicoterapeuta
Contratto, parla Carlo Palermo (Anaao): «Per firmare va sbloccata Retribuzione Individuale di Anzianità. Ecco come fare…»
Dai nodi da scogliere per arrivare a sbloccare il contratto alle soluzioni per rispondere alla carenza di specialisti, passando per le “autodimissioni” dei medici ospedalieri fino al taglio delle pensioni d’oro: l’intervista a tutto tondo al segretario nazionale di Anaao Assomed
Chi identifica gli obiettivi formativi?
Gli obiettivi formativi di rilievo nazionale sono definiti dalla CNFC e devono essere riconducibili alle attività sanitarie e socio-sanitarie collegate ai LEA (Livelli Essenziali di Assistenza). Gli obiettivi formativi di rilievo regionale ed aziendale sono definiti dalle Regioni e dalle Aziende sanitarie e tengono conto dei piani sanitari regionali e delle specifiche mission aziendali. Anch’essi […]
Condominio installa telecamere nel palazzo, si possono avere problemi in termini di privacy con i pazienti?
Se il condominio con la maggioranza prevista dalla legge approvasse l’istallazione delle telecamere di videosorveglianza, la presenza di uno studio medico all’interno dello stabile e la possibilità dunque che si possa rilevare un trattamento dei dati sensibili dei pazienti che si recano presso il suo studio imporrà l’utilizzo di cautele molto specifiche. A titolo esemplificativo: […]
Che differenza c’è tra crediti formativi acquisiti da Provider accreditati a livello nazionale e regionale?
I crediti formativi attestati ai professionisti della Sanità da un Provider accreditato a livello regionale, hanno valore a livello nazionale. Da ricordare che per la FAD erogata da Provider accreditati a livello regionale i crediti dovranno essere erogati solo ai professionisti sanitari che svolgono la loro attività nella Regione o Provincia Autonoma che ha accreditato […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...
Formazione

Contratto, parla Carlo Palermo (Anaao): «Per firmare va sbloccata Retribuzione Individuale di Anzianità. Ecco come fare…»

Dai nodi da scogliere per arrivare a sbloccare il contratto alle soluzioni per rispondere alla carenza di specialisti, passando per le “autodimissioni” dei medici ospedalieri fino al taglio delle ...