Formazione 11 ottobre 2016

Otorino laringoiatria – il “baloon” che piace ad hollywood e ai campioni della serie A

Le nuove tecniche mininvasive dell’otorino-laringoiatria non solo minimizzano i traumi, ma migliorano anche la qualità delle prestazioni lavorative. Un nuovo corso ECM, curato dal dottor Lino Di Rienzo Businco, spiega tutti gli elementi necessari per formare nuovi medici specialisti del settore

Rivoluzione delle tecniche, informazione e formazione. Questi gli ingredienti dell’otorino-laringoiatria raccontati dal professor Di Rienzo. Le nuove tecniche mininvasive permettono un approccio più efficace ma ad impatto ridotto. A beneficiarne sono tutti i pazienti, indistintamente adulti e bambini, e, nel caso specifico, anche attori e sportivi, che vedono in questa rivoluzione tecnologica anche un miglioramento delle proprie prestazioni, quindi una migliore qualità di carriera. Su questo aspetto è stato creato un corso ECM che si propone di informare i pazienti dell’esistenza delle tecniche, ma anche formare nuovi medici specialisti del settore per saper utilizzare e saper diagnosticare in maniera precoce le malattie. Abbiamo intervistato il dottor Lino Di Rienzo Businco, responsabile scientifico del corso.

«La nostra volontà è informare i pazienti dell’esistenza di queste tecniche mininvasive che hanno rivoluzionato l’approccio a tante malattie apparentemente banali, ma molto comuni e ad alto impatto epidemiologico come il raffreddore, le riniti allergiche, le malattie delle adenoidi, i mal di gola, le tonsilliti che apparentemente erano patologie scollegate, trattate con i vecchi criteri, in maniera isolata e tante volte anche operate in maniera troppo aggressiva. Oggi, viceversa, con un approccio moderno, una filosofia onnicomprensiva, olistica, quasi globale, abbiamo capito come minimizzare il trauma su ognuna di queste sotto-sedi».

Si passa, quindi, da un approccio di chirurgia classica, con tagli e asportazioni delle parti, ad una tecnologia cosiddetta di soft surgery, cioè stent e balloon che introdotti con delle sonde sostanzialmente riducono al minimo la chirurgia.

«Esattamente. Il vero cardine della rivoluzione è rappresentato dalle tecniche endoscopiche, per cui con minuscole telecamere siamo in grado di esplorare ogni singolo recesso anche nei pazienti bambini, dilatando gli spazi, sgonfiando le mucose ipertrofiche, riducendole, smussandole, rimodellandole senza tagliarle o bruciarle. Il paziente è in grado di tornare alle sue normali attività, sia adulto che bambino, entro le 24 ore dalla procedura chirurgica mininvasiva».

Un esempio famoso, soprattutto per i bambini, è quello delle tonsille. Adesso con queste tecniche non si asportano più.

«Oggi abbiamo la possibilità con le radiofrequenze di 3° generazione di rimodellare la superficie e rimuovere esclusivamente la parte malata. Un po’ come una mela rovinata in una sua piccola porzione, noi siamo in grado di ripulirla ma salvaguardando la mela che può essere ancora utilizzata e mangiata, in quanto ancora buona».

Come valuta le informazioni che sono state diffuse negli ultimi mesi, la scadenza del triennio che cade il 31 dicembre di questo anno e il fatto che ancora pochi dei suoi colleghi sono in regola con i crediti ECM?

«È un problema molto grande quello delle ECM e che è stato affrontato negli anni passati in modo un po’ troppo superficiale. Credo siano necessari incentivi perché noi medici siamo sempre più alla ricerca di occasioni di formazione veramente pregnanti e utili perché il tempo resta sempre la risorsa principale, ed è sempre poco. Per cui, se investiamo del tempo e delle risorse economiche per formarci deve essere una formazione di qualità e che ci lasci arricchiti, e quindi la qualità paga in questo momento di crisi e le scelte devono sempre essere molto ponderate. Bisogna rivolgersi a strutture e organismi di formazione qualificati, altrimenti si rischia non solo di non andare avanti ma addirittura di andare indietro».

Noi sappiamo che tra i suoi pazienti figurano attori di Hollywood, giornalisti, politici di primo piano e sportivi di grandissima caratura italiana e internazionale. Anche nel loro caso un approccio di questo tipo all’apparato respiratorio sarebbe più utile e migliorerebbe le loro prestazioni.

«Al di là dell’impatto mediatico ogni paziente è uguale all’altro. Cosa differenzia l’attore di grido, lo sportivo di serie A o l’oratore professionista è il fatto che sono molto attenti alla minima sfumatura della loro performance respiratoria e sanno molto bene quanta influenza ha una corretta respirazione nasale nell’emissione della voce, nel timbro vocale, nella maschera, nel caso degli attori piuttosto che per le prestazioni di un calciatore di serie A o di una medaglia d’oro ai giochi olimpici. Loro sono la prova provata che è possibile incrementare le prestazioni e le qualità professionali se l’intervento viene posto in maniera corretta. Sono tante le prestazioni che vengono influenzate in maniera positiva da questi approcci, a patto che si rispetti la funzione e che si resti aggiornati e si usino tecniche all’avanguardia, che dilatano gli spazi e ricostruiscano la normalità, una normalità personale del paziente».

Articoli correlati
AIOP Giovani, Michele Nicchio è il nuovo Presidente: «Tecnologie e formazione per vincere la sfida della sanità del futuro»
Succede a Lorenzo Miraglia. Guiderà l’associazione fino al 2021. «Vogliamo cambiare la cultura sanitaria in Italia, far capire che non è un costo ma un investimento per l’economia, per le nostre imprese ma soprattutto per il benessere dei pazienti e dei cittadini italiani», ha detto ai microfoni di Sanità Informazione
Responsabilità professionale e formazione ECM: medici non aggiornati a rischio nei contenziosi (e pagano assicurazioni più salate)
La Legge Gelli sulla responsabilità medico-sanitaria ha compiuto il suo primo anno di vita e, in attesa degli ultimi decreti attuativi che ne chiuderanno definitivamente il perimetro, l’aggiornamento professionale è lo snodo centrale della normativa
Simeu, XI Congresso nazionale. Le sfide del futuro, la Presidente Ruggieri: «Fermare aggressioni e aumentare posti scuole di specializzazione»
«Nei Pronto Soccorso italiani, oltre alle emergenze sanitarie, tutto il personale è chiamato a gestire altre due grandi sfide: le aggressioni ai danni dei sanitari e il sovraffollamento. Preoccupante la riduzione dei posti nelle scuole di specializzazione». È questo lo scenario delineato da Maria Pia Ruggieri, Presidente e Responsabile Scientifico del Congresso Nazionale Simeu, all’apertura dei lavori della XI edizione
di Isabella Faggiano
Maxi simulazione in esterna a Lampedusa: 130 medici italiani si formano sull’emergenza sanitaria
È in corso la II edizione del SIAARTI Academy CREM (Critical Emergency Medicine), evento formativo innovativo della Società Italiana di Anestesia, Analgesia, Rianimazione e Terapia Intensiva rivolto ai medici in formazione provenienti dalle 39 scuole di specializzazione in Anestesia, Rianimazione, Terapia Intensiva e del Dolore. Fino al 26 maggio Lampedusa sarà teatro naturale dell’evento SIAARTI […]
Come cambia il ruolo del paziente? Recchia (GSK Italia): «Da soggetto passivo ad attore, sarà fondamentale per la ricerca sul farmaco»
Il Direttore Medico e Scientifico dell’azienda farmaceutica spiega cosa si intende per “paziente esperto” e in che modo questa figura rivoluzionerà il mondo della ricerca farmacologica grazie alla formazione e al coinvolgimento diretto nella ricerca
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Comparto sanità, sottoscritto in via definitiva il contratto. Sindacati soddisfatti, ma Nursing Up non firma

Se Sergio Venturi (Presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità) si dice contento del risultato e Serena Sorrentino (Segreteria generale Fp Cgil) è già al lavoro per il CCNL 2019/2021, Antonio...
Lavoro

Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»

Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»