Formazione 2 dicembre 2014

OMCeO d’Europa, un italiano alla guida 

La FAD tra i temi caldi: “La qualità è fondamentale, ma per far rispettare l’obbligo meglio un sistema premiale che sanzionatorio”

Immagine articolo

Responsabilità professionale, formazione, eHealth. Sono tra le principali tematiche che affronta il CEOM, il Consiglio Europeo degli Ordini di Medici. E lo farà, per i prossimi tre anni, sotto l’egida di un italiano: Nicolino D’Autilia, a cui Consulcesi News – il periodico diffuso dalla grande realtà a tutela dei medici che, con oltre 450mila copie, si conferma quello a più alta tiratura tra i periodici in distribuzione – ha dedicato la copertina del suo terzo numero, uscito proprio in questi giorni.

D’Autilia, eletto presidente nel giugno scorso, il 5 dicembre presiederà a Roma i lavori del primo appuntamento istituzionale del suo mandato, che coincide con il semestre europeo a guida italiana. Un’occasione unica per riportare i temi caldi della sanità italiana al centro dell’agenda europea, in un’ottica di crescente internazionalità.

L’obbligo assicurativo ormai in vigore ed il problema della colpa grave impongono una riflessione sulla necessità di una tutela legale completa…
Il tema assicurativo è particolarmente sentito nei paesi mediterranei e la questione, a causa di un atteggiamento di chiusura da parte delle assicurazioni, resta critica per molti colleghi. Alcune categorie di medici sono particolarmente a rischio e spesso senza nessuna consapevolezza dei rischi insiti nella professione, sia dal punto civile che penale.

Altro tema importante a livello continentale è quello della formazione. L’obbligo degli ECM è stato confermato proprio di recente…
In Italia la formazione si sta sviluppando soprattutto “a distanza”, allineandosi sempre più con l’Europa e gli U.S.A.  La tipologia residenziale continua ad avere un certo successo, ma la maggior parte dei professionisti sceglie le piattaforme ad hoc. Credo che, per far rispettare l’obbligo, introdurre sanzioni non sia il massimo; meglio piuttosto prevedere dei fattori premianti, per avere anche maggiori garanzie di trasparenza.

La FAD si avvale delle nuove tecnologie, sempre più protagoniste anche in Italia. 
L’Italia si sta adeguando egregiamente a questa tendenza, con nuove piattaforme per la FAD che rispondono in pieno a quest’esigenza. Il prossimo passo sarà la previsione di un sistema di monitoraggio e di controllo dei processi formativi, per evitare di fornire un prodotto non adeguato.

Da pochi mesi in vigore anche l’obbligo di POS: anche in questo caso le nuove tecnologie, ed in particolare le App, possono venire in aiuto ai professionisti.
Sì, anche perché le banche sembrano restie a trovare un compromesso per abbattere le spese, utile soprattutto ai medici che offrono un servizio pubblico rispetto a chi esercita la libera professione. La tecnologia avanza, e può fornire alternative molto interessanti.

Articoli correlati
Clownterapia, Andrea Tudisco Onlus: perché una casa e un sorriso sono come una medicina
I Clown Dottori della Onlus Andrea Tudisco operano nei reparti pediatrici e specialistici degli ospedali romani. Il loro compito? Sdrammatizzare le pratiche sanitarie e trasformare paura, rabbia e tristezza in fiducia e speranza
Per quanto riguarda il Dossier Formativo di gruppo quali sono i soggetti abilitati a costruirlo?
I soggetti sono i seguenti: Per le Aziende Sanitarie, Pubbliche e Private o per le strutture universitarie: L’Ufficio formazione ovvero uno o più delegati, il responsabile della didattica, il responsabile del gruppo delle singole Unità operative, Per gli Ordini, i Collegi, rispettive Federazioni nazionali e Associazioni maggiormente rappresentative delle professioni sanitarie: il Presidente, il legale […]
Carenza medici in GB: dopo la Brexit la formazione potrebbe essere più breve
Le regole europee impongono agli aspiranti medici un percorso formativo di almeno cinque anni. Una volta che la Gran Bretagna se ne sarà liberata con la Brexit, potrà decidere di accorciare il periodo di formazione necessario per poter esercitare la professione. Sarebbe questa, secondo quanto riportato dal Telegraph, una delle possibili soluzioni cui il Regno […]
Qual è la modalità di assegnazione dei crediti ECM per la formazione a distanza?
I Provider che erogano corsi ECM anno 9 giorni di tempo dalla data di fine dell’evento per inviare all’ente accreditante i nomi dei partecipanti che hanno acquisito i crediti. Tale principio vale anche per i corsi di formazione a distanza, i quali possono avere la durata di un anno; è pertanto possibile che per vedere […]
Sapienza, la formazione universitaria cambia passo ed entra nel futuro. Rettore Gaudio: «Cambiamento epocale per i nostri medici»
Tre laboratori ad alta tecnologia per simulare pratiche mediche in situazioni di crisi o emergenza e la Biblioteca automatizzata di Architettura. Questi gli interventi di potenziamento della didattica realizzati alla Sapienza grazie al sostegno della Fondazione Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Lavoro

Tasse e contributi, come non sbagliare la dichiarazione. La guida completa alla compilazione del Modello D

Entro il 31 luglio i camici bianchi che hanno svolto attività libero professionale nel 2017 devono compilare nell’area riservata Enpam il Modello D. Ecco come scegliere le aliquote, come calcolare ...