Formazione 21 aprile 2015

Obbligo ECM: il caos crediti rafforza l’importanza della formazione

Dopo la sforbiciata ai medici competenti, Ministero ed istituzioni sanitarie cercano soluzioni ribadendo la necessità dell’aggiornamento professionale

Immagine articolo

L’aprile del 2015 sarà un mese che i medici italiani non dimenticheranno facilmente.

In migliaia hanno scoperto di essere stati depennati dall’Albo da parte del Ministero, rei di non aver ottemperato, tramite il necessario raggiungimento di crediti, all’obbligo di Educazione Continua in Medicina. Roberto Carlo Rossi, presidente dell’OMCeO di Milano, ha di recente spezzato una lancia in favore dei presunti inadempienti (nel caso specifico i medici competenti), facendo notare i “ritardi degli Uffici del Ministero della Salute nel ricevere e validare le autocertificazioni relative ai corsi di aggiornamento obbligatori, previste dalla legge per la conferma dell’iscrizione nell’apposito Elenco professionale” ed invoca, sul punto, l’intervento della FNOMCeO.

Ad ogni modo, il segnale che arriva dal Ministero della Salute è una chiara espressione della volontà istituzionale di ribadire – in forma di obbligo – un onere deontologico: la formazione, elemento imprescindibile per l’esercizio della professione medica. Elemento, peraltro, che assume un’importanza ancora maggiore quando si tratta di gestire le cosiddette malattie rare: quelle che affliggono un numero relativamente esiguo di pazienti, ma che proprio per questo sono ancora poco conosciute e studiate. Ne è un esempio la sindrome di Klinefelter, la forma più frequente di ipogonadismo ipergonadotropo, sulla quale proprio nei giorni scorsi è stato incentrato un seminario formativo presso La Sapienza di Roma, con l’obiettivo di implementarne la diagnosi precoce e migliorarne la gestione clinica.

Fondamentale, inoltre, che il percorso formativo si sviluppi secondo i più elevati standard qualitativi. Un obiettivo sempre più facile – e comodo – da raggiungere grazie alla Formazione A Distanza (FAD): lo strumento che permette al professionista di formarsi e di ottemperare all’obbligo ECM ovunque si trovino, tramite pc o Ipad.

Articoli correlati
ECM, il Presidente FNOMCeO Anelli: «Ordini sollecitino iscritti su formazione. Verifica dei crediti del triennio 2014-2016 comincerà dal 2019»
Il Presidente della Federazione degli Ordini dei Medici, in una nota, ribadisce che «l’aggiornamento professionale resta un dovere di ogni medico» e annuncia le prossime scadenze in materia
Dalla FNOMCeO alla FIMMG, coro di ‘auguri’ dal mondo della Sanità al Ministro Grillo. E su Facebook i militanti chiedono la fine dell’obbligo vaccinale
L’esponente del Movimento Cinque Stelle è il 36esimo inquilino di Lungotevere Ripa. Tanti i dossier sul tavolo: dal contratto alle aggressioni ai medici. Il virologo Burioni: «È doveroso giudicare il nuovo Ministro sui fatti e non in base a un pregiudizio»
Responsabilità professionale e formazione ECM: medici non aggiornati a rischio nei contenziosi (e pagano assicurazioni più salate)
La Legge Gelli sulla responsabilità medico-sanitaria ha compiuto il suo primo anno di vita e, in attesa degli ultimi decreti attuativi che ne chiuderanno definitivamente il perimetro, l’aggiornamento professionale è lo snodo centrale della normativa
Privacy, tutte le novità del GDPR per medici e ospedali spiegate dal Direttore FNOMCeO De Pascale
Dalla nomina del Data Protection Officer alla valutazione del rischio, ecco cosa fare per adeguarsi alla nuova normativa sul trattamento dei dati personali che entrerà in vigore il prossimo 25 maggio
“Una bufala ci seppellirà?”: la campagna FNOMCeO contro le fake news sulla salute
Al via l'iniziativa della Federazione per combattere fake news in tema salute. Il Presidente Filippo Anelli: «La salute la curano i medici, sempre a disposizione dei cittadini per rispondere a tutti i bisogni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...