Formazione 9 luglio 2018

Numero chiuso, 800 posti in più a Medicina. Gaudio (Sapienza): «Necessari per far fronte a carenza medici»

Saranno 9779 gli aspiranti camici bianchi che potranno immatricolarsi in autunno. Comunicate anche le date dei test: si inizia il 4 settembre con Medicina e Odontoiatria, il 5 con Veterinaria, il 12 sarà la volta delle Professioni sanitarie ed il 13 dei corsi in inglese

Immagine articolo

Sarà un’estate trascorsa sui libri, quella degli aspiranti camici bianchi che a settembre affronteranno il test d’ingresso. Almeno, però, avranno più possibilità di entrare nella facoltà dei loro sogni. Il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Marco Bussetti ha infatti firmato i decreti sui corsi universitari ad accesso programmato ed ha aumentato il numero dei posti a disposizione. Per Medicina, sono circa 800 in più rispetto allo scorso anno. In particolare, saranno 9779 gli studenti che in autunno si potranno immatricolare, al netto di eventuali ricorsi che consentiranno, in caso di vittoria, anche ai ragazzi che non supereranno il test di iscriversi con riserva. Aumentati i posti anche per Odontoiatria, a cui potranno accedere 1096 ragazzi (contro i 908 del 2017), e Veterinaria (759 posti contro i 655 dell’anno scorso). Il Ministro ha anche firmato il decreto con il contingente di posti destinati ai candidati non comunitari residenti all’estero che sono 635 per Medicina, 95 per Veterinaria, 91 per Odontoiatria e protesi dentaria, 1.094 per le Professioni sanitarie e 75 per le Professioni sanitarie magistrali.

LEGGI ANCHE: MATRICOLA E LAUREANDA A CONFRONTO: SOGNI E INCUBI DELLO STUDENTE DI MEDICINA | GUARDA L’INTERVISTA DOPPIA

«L’aumento del numero dei posti ai corsi di laurea a numero chiuso è senz’altro un fatto molto positivo – commenta ai nostri microfoni Eugenio Gaudio, Rettore dell’Università Sapienza di Roma -. Le facoltà mediche hanno fatto uno sforzo per offrire un numero maggiore di posti perché nei prossimi anni assisteremo a numerosi pensionamenti all’interno del Sistema Sanitario Nazionale. Nel futuro ci sarà quindi richiesta di un numero maggiore di medici a cui dobbiamo adeguarci formandone di più. L’impegno delle università è quindi quello di riuscire ad aumentare il più possibile il numero delle immatricolazioni, compatibilmente con le risorse a disposizione, e quindi con il numero dei Professori, delle aule e dei reparti in cui formare in maniera responsabile e completa i nuovi medici».

Sono state inoltre comunicate le date in cui si svolgeranno i test per le facoltà a numero chiuso. Si inizia il 4 settembre con Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e Protesi Dentaria; il 5 sarà la volta di medicina veterinaria. Si prosegue il 12 settembre con le Professioni sanitarie ed il 13 con Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e Protesi Dentaria in lingua inglese. Infine, coloro che intendono iscriversi ad un corso di laurea magistrale in Professioni sanitarie dovrà attendere il 26 ottobre.

Le iscrizioni online per i corsi di laurea e laurea magistrale in Medicina e Chirurgia, Veterinaria, Odontoiatria e Protesi dentaria saranno attive dal 2 luglio al 24 luglio 2018 sul portale www.universitaly.it.

LEGGI ANCHE: VUOI STUDIARE MEDICINA? INIZIA DAL LICEO. IL 98% DEGLI STUDENTI DELL’INDIRIZZO BIOMEDICO SUPERA IL TEST D’INGRESSO

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Oncologia e radioterapia: Roberto Giacobbo presenta a Milano “La Notte della Scienza”
Il giornalista terrà una lectio magistralis toccando i momenti chiave che hanno caratterizzato l’evoluzione scientifica e tracciando il futuro della medicina oncologica attraverso le cure all'avanguardia offerte dalla radioterapia
Numero chiuso, cresce il fronte per l’abolizione. Grillo: «Rischiamo di perdere grandi medici, serve meccanismo meritocratico»
Il Ministro è intenzionato a rivedere le norme di accesso alla Facoltà di Medicina. E anche il vicepremier Salvini appoggia la proposta: «Non è possibile che migliaia di ragazzi italiani debbano scappare all’estero per studiare, specializzarsi e cominciare a lavorare in ospedale»
Emergenza-urgenza, l’allarme della Simeu: «Nei Pronto soccorso italiani mancano oltre mille medici»
Il dato emerge da una raccolta dati. Ogni anno i medici dell’emergenza effettuano 4 milioni e mezzo di visite in più rispetto agli standard nazionali, definiti dalle società scientifiche
«Con flat tax e reddito di cittadinanza servizi sanitari a rischio». Parla la responsabile Salute PD Marina Sereni
«Dai vicepremier mai una parola per più risorse nella sanità». Così l’ex vicepresidente della Camera che poi torna sul tema dei vaccini: «Con autocertificazione strizzano occhio a movimento no vax»
Numero chiuso, pubbliche graduatorie anonime. Idonei 40.447 candidati su 59.743, passa il 67,7% del totale
La percentuale di idonei più alta (78,47%) si è registrata a Pavia. Il punteggio più alto (84,3) è stato conseguito a Verona. Per i risultati nominali bisognerà attendere il 28 settembre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...