Formazione 15 novembre 2016

Mangiare emozioni, che vuol dire? Lo spiega la nutrizionista: «C’è un cervello in pancia che influenza la psiche»

Cervello addominale, la nutrizionista Serena Missori ci racconta del secondo cervello che risiede nell’intestino: «La pancia è responsabile dei nostri stati d’animo, quello che mangiamo gioca un ruolo fondamentale»

Gioia, tristezza e stress si accumulano nella nostra pancia. Quello che mangiamo e che va a finire nel nostro intestino, si trasforma in emozioni e stati d’animo che influenzano il nostro umore e lo stile di vita. Stiamo parlando del ‘cervello addominale’, un secondo intelletto, oltre quello cranico, che si nasconde nella nostra pancia e da cui dipendono funzioni metaboliche e non solo. Questa la teoria della dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista che ci racconta il suo punto di vista.

C’è davvero una specie di cervello nella nostra pancia?

«Assolutamente sì, di fatto si tratta di un cervello dotato di sistema immunitario, nervoso e che produce ormoni in diretta relazione con il nostro cervello cranico. Questo cervello in parte è autonomo e responsabile delle nostre reazioni agli eventi e allo stress e soprattutto al cibo che ingeriamo. Attraverso il cibo che è un messaggero chimico, il nostro cervello addominale è in grado di influenzare il nostro stato d’animo. Protagonista indiscusso di questo cervello addominale è un microbiota, un insieme di microrganismi, la cui salute è direttamente correlata alla nostra. Questi microrganismi producono vitamine, minerali e mandano messaggi al sistema immunitario e a quello nervoso, quindi se sono in salute e abitano in un ambiente favorevole, ci aiutano a vivere bene e in forma. Se invece questo microbiota si altera a causa dello stress e dell’alimentazione scorretta, può innescare reazioni non gradevoli e provocare stanchezza cronica. Quindi di fatto tutto ciò che avviene all’interno del nostro apparato digerente è fondamentale per la nostra salute non solo fisica ma anche mentale».

Dunque il cibo è fondamentale per una vita sana non solo a livello metabolico ma anche psicologico. Il cibo spazzatura uccide 6 persone al minuto. La situazione è davvero così grave?

«La situazione è veramente grave. Il cibo spazzatura è quello dei fast food e delle tavole calde ed è ricco di grassi idrogenati, tendenzialmente fritto, ricco di zuccheri semplici che all’interno del nostro organismo mettono in atto una serie di reazioni biochimiche che conducono a quella che viene chiamata infiammazione cronica silente che sta alla base di tantissime patologie, da quelle cardiovascolari, infarto, ictus e ipertensione a quelle metaboliche, diabete mellito, sovrappeso e obesità. Ma può anche contribuire a determinare patologie oncologiche. La situazione è drammatica soprattutto per i bambini, infatti in Italia c’è un alto tasso di sovrappeso e obesità in età scolare, in questo modo non facciamo altro che gettare le basi per i malati del futuro»

Sempre più italiani si ammalano di patologie correlate proprio all’alimentazione tra cui spicca il diabete. Quindi una maggiore attenzione al nostro cervello addominale può aiutare a prevenire e combattere queste malattie?

«Assolutamente sì anche perché si è visto che la disbiosi intestinale, quindi l’alterazione della microflora intestinale, è anche connessa allo sviluppo del diabete mellito perché favorisce quella la endotoxemia, una tossicità sistemica che porta all’aumento dell’insulino-resistenza che sembra proprio essere alla base dell’insorgenza del diabete mellito di tipo 2. Quindi curare nel modo coretto il cervello addominale ci consente poi di non dover curare altre patologie più gravi che con una scorretta alimentazione potrebbero svilupparsi nel tempo»

Per approfondire leggi anche IL CERVELLO ADDOMINALE – FOOD FOR THOUGHT 

Articoli correlati
‘Vuoi dimagrire? Ti do un consiglio…’ Troiano (ANDID): «Attenzione agli abusivi, con la salute non si scherza»
Il monito delle Presidente uscente dell’Associazione nazionale Dietisti: «Per guidare le scelte alimentari bisogna avere una formazione professionale frutto di anni di studio»
Quanto costa la malnutrizione in ospedale? I dati del Congresso Sinuc (Società Italiana di Nutrizione clinica e Metabolismo)
Nel quadro attuale di sostenibilità del SSN e di appropriatezza dei trattamenti, l’attenzione allo stato nutrizionale dei pazienti nei diversi contesti assistenziali sta per fortuna crescendo, se pur lentamente. I clinici sanno bene che la malnutrizione per eccesso o per difetto ha un impatto negativo su morbilità e mortalità ma c’è ancora una grande variabilità […]
Alimentazione, il 70% degli italiani non sa mangiare. Tonelli (ANDID): «Donne più attente, anziani più in difficoltà»
«Le abitudini alimentari sane devono essere una priorità nelle politiche sanitarie e dell’istruzione, strategia fondamentale per limitare le disuguaglianze e migliorare le condizioni di salute», lo dichiara il Presidente dell’Associazione Nazionale Dietisti
In Italia gli ordini di cibo sano a domicilio aumentano del 123%. Dalla quinoa al poke, l’healthy food che ci facciamo consegnare a casa
5mila chili di frutta e 18mila chili di insalata. Non solo pizza e panini: il food delivery è sempre più ricco e più sano. I dati dell’osservatorio Just Eat
Alimentazione questa sconosciuta: in Inghilterra gap formativo che preoccupa studenti, medici e pazienti
Una corretta alimentazione è fondamentale per la salute, ma i medici inglesi ne sanno poco o nulla. È la denuncia di camici bianchi e studenti di medicina che sottolineano il gap formativo su tutto ciò che riguarda diete e stili di vita nonostante, riporta la BBC, l’80% dei pazienti dei medici di medicina generale abbia […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...