Bollettino del Ministero 21 luglio 2015

Il bollettino del Ministero

Il saluto del Ministro alla Tavola rotonda “La lezione di e-bola”

di Ministero della Salute
Carissimi, sono molto felice che il Ministero ospiti oggi la tavola rotonda istituzionale dal Titolo “La lezione di Ebola, formazione e informazione per prevenire le pandemie”.
Purtroppo impegni di carattere istituzionale mi impediscono di partecipare. È apprezzabile l’idea di un docufilm, che spero di potere presto visionare, rivolto al personale medico e paramedico chiamato ad affrontare la gestione di emergenze sanitarie.
In Italia abbiamo curato con successo due persone affette da Ebola. Tali due casi, che sono stati gestiti proprio grazie ai protocolli attivati nell’ambito delle procedure di sorveglianza e profilassi, logistico, assistenziale e terapeutico, rappresentano un motivo di grande orgoglio per il nostro Sistema Sanitario. II Ministero della salute, al pari delle altre autorità sanitarie europee ed extra europee, ha seguito e segue con estrema attenzione l’evoluzione della situazione della epidemia da virus Ebola (EVD) in Africa Occidentale.

Fin dal primo insorgere dell’epidemia, il Ministero ha fornito indicazioni per il rafforzamento, rispettivamente, della sorveglianza in corrispondenza nei punti di ingresso internazionale e sul territorio, per la immediata segnalazione di eventuali casi sospetti. Ha inoltre disposto un Protocollo centrale per la gestione dei casi di Malattia da Virus Ebola e dei contatti sul territorio nazionale, cui fare riferimento nell’organizzazione della preparazione e della risposta al verificarsi degli stessi, con le indicazioni per l’adozione di misure di prevenzione delle infezioni, compreso l’uso dei Dispositivi di Protezione Individuale, in coordinamento con le indicazioni dell’Unione Europea, che, oltre ad avvalersi della consulenza tecnica del Centro Europeo per il controllo delle Malattie, si è basato sulle raccomandazioni fornite dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. I documenti informativi sulla Malattia da Virus Ebola (MVE) e di indirizzo in relazione alle febbri emorragiche virali in generale ed alla MVE in particolare sono stati pubblicati sul portale del Ministero della Salute, all’indirizzo www.salute.gov.it/ebola.

II nostro Paese vanta centri di riferimento di livello internazionale per la gestione di casi di malattie altamente trasmissibili. Oltre ad una solida rete di Dipartimenti di Prevenzione in tutte le regioni, per l’applicazione delle misure di sanità pubblica in caso di malattie trasmissibili, in Italia si può contare sull’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive – IRCCS “Lazzaro Spallanzani” di Roma e sull’Azienda Ospedaliera “Luigi Sacco” di Milano, che hanno offerto e offrono garanzia di personale adeguatamente formato ed expertise professionale sia per ciò che riguarda la clinica che per ciò che concerne la diagnostica di laboratorio. L’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani” (INMI), oltre ad essere centro nazionale di riferimento per le Febbri Emorragiche, è stato ed è in prima linea contro la crisi Ebola in Africa occidentale, con diversi operatori e ricercatori dell’INMI hanno prestato la loro opera all’interno del piano di risposta internazionale, coordinato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) in collaborazione con i Ministeri della Salute dei Paesi interessati e la Commissione Europea, per supporto clinico e per l’attivazione di laboratori mobili di alto biocontenimento (BSL4). Non da ultimo, I’INMI Spallanzani ha organizzato, con il contributo del personale di questo Ministero, corsi di formazione per gli operatori sanitari.

Il personale medico e tecnico della prevenzione in servizio presso i competenti uffici della Direzione Generale della Prevenzione del Ministero e gli USMAF, attraverso un protocollo concordato con il MAE, continua a mettere in atto attività di vigilanza sanitaria mirata nei confronti di personale delle organizzazioni governative e non governative che operano nei Paesi affetti da Ebola, sottoponendo tale personale al momento del loro arrivo a screening non invasivi e non limitanti la libertà di movimento e fornendo agli Uffici centrali del Ministero le indicazioni per la prosecuzione della sorveglianza, per il periodo previsto, nei luoghi di residenza.

Vi ringrazio quindi per aver proposto questa iniziativa informativa e Vi auguro buon lavoro.

Beatrice Lorenzin 
Articoli correlati
Lavoratori autonomi, c’è la legge: deducibili anche tutte le spese per l’ECM
Spese di iscrizione, master, corsi di formazione, aggiornamento professionale, convegni, congressi e viaggi deducibili totalmente entro i 10mila euro. Marina Calderone, Presidente del Comitato Unitario delle Professioni (Cup) sulle misure: «Colmato un ritardo non più tollerabile»
Formazione, Bellomo (Univ. D’Annunzio Rieti): «Necessaria per medici e riabilitatori, ancora pochi in regola»
Ai microfoni di Sanità Informazione Rosa Bellomo, professoressa di Medicina Riabilitativa e membro del Comitato Scientifico del Provider ECM 2506 Sanità in-Formazione: «Nuove conoscenze, invenzioni e scoperte cambiano costantemente la medicina. Impensabile fermarsi alla formazione universitaria»
Medicina tradizionale cinese in Italia: un ponte dall’Oriente all’Occidente in 2mila anni di storia
L’intervista a Wang Xiaopin, Direttrice del Dipartimento di Cooperazione Internazionale di Hong Kong dello State Administration of Traditional Chinese Medicine
Fedeli: «Formazione e ricerca strategiche per il futuro del Paese»
«I numerosi interventi del rapporto declinano quasi esattamente i temi all’ordine del giorni del governo e del Miur. Fa piacere leggere nel rapporto che c’e’ una manifesta volonta’ di definire un’ampia politica per l’innovazione e penso ai percorsi di riforma avviati in università». Lo ha detto il Ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, intervenendo alla presentazione del […]
Mazzucco (AIM): «È il momento giusto per rinnovare la sanità»
Il presidente dell’Associazione Italiana Medici analizza il rapporto “Curiamo la Corruzione” e sollecita un ricambio generazionale: «Iniziare il rinnovamento dagli Omceo. Ordini regolati ancora da leggi del secolo scorso e le proposte di legge per modificarle sono bloccate in Parlamento: serve una svolta culturale, assumendosi nuove responsabilità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...