Formazione 15 febbraio 2017

“Governare la complessità” in Sanità: la nuova sfida dei big data

Al Forum dell’Associazione Italiana di Medicina e Sanità Sistemica presentato l’approccio innovativo. Il presidente ASSIMIS Christian Prestipino: «Più centralità al paziente, protagonista e partner delle cure insieme a medici adeguatamente formati a sfruttare le potenzialità della tecnologia»

Trasformare la complessità dei sistemi sanitari e della medicina in una opportunità. Come? Attraverso i big data. È emerso questo dal primo Forum sulla Sanità di Sistema, organizzato a Roma dall’ASSIMIS (Associazione Italiana di Medicina e Sanità Sistemica). Nella duegiorni al Centro Direzionale Unicredit si sono confrontati oltre 100 esperti nazionali ed internazionali di 40 discipline differenti che, partendo dalle proprie esperienze, hanno trovato un’ampia convergenza sulla centralità del paziente.

«Nel corso dei lavori – spiega Christian Pristipino, presidente ASSIMIS si è posta l’attenzione su quanto la complessità possa diventare opportunità in Medicina. In particolare abbiamo focalizzato come la complessità stia rallentando la Medicina in vari settori, come in quello della farmacologia in cui stanno emergendo minori farmaci perché non si riescono a trovare target adeguati. Abbiamo notato come i costi stiano salendo vertiginosamente e come gli approcci complessi alla Medicina e alla Sanità possano in realtà migliorare questo approccio, trovando nuovi target nell’interazione tra gli approcci più che nei singoli processi isolati. È quindi un cambiamento di paradigma che si può applicare anche alla relazione medico-paziente. Il paziente diventa protagonista insieme al medico e da paziente diventa partner del medico per costruire insieme una cura più efficace. Inoltre abbiamo portato dei dati che hanno mostrato, per esempio, come le organizzazioni sanitarie nelle quali si investono più risorse non necessariamente sono quelle che funzionano meglio. Questo avviene perché i sistemi sanitari sono come i sistemi viventi. Hanno bisogno di un approccio più ampio, non riduzionista, non focalizzato sui singoli aspetti ma presi nella loro complessità. Devono essere letti per essere targettizzati in modo sistemico attraverso delle tecniche specifiche e, contemporaneamente, bisogna trovare i nodi critici di queste reti per poter intervenire e avere efficacia».

In questo contesto quello del paziente diventa un ruolo chiave nell’ambito di una medicina che diventa partecipativa. Si crea una nuova forma di rappresentatività dei pazienti stessi sia a livello clinico che di ricerca perché arrivano a poter collaborare con il personale sanitario anche mettendo a disposizione tutti una serie di dati biologici, clinici, genetici e biochimici, che dovranno essere poi abbinati a parametri psico-socio-ambientali. Una profilazione complessa che porta all’acquisizione di quei big data fondamentali per questo rivoluzionario cambio di prospettiva.

Un sistema innovativo che richiede anche una adeguata formazione del personale sanitario.

«La formazione – prosegue Prestipino –  assume una posizione importantissima in questo nuovo approccio. Si arriva ad un ribaltamento della lente della medicina che da divisionista diventa integrativa. In questo contesto, inoltre, le istituzioni hanno un ruolo centrale e riteniamo significativo aver riscontrato una forte apertura sia nella FNOMCeO sia nell’Istituto Superiore di Sanità (Iss)».

L’Italia si candida, dunque, ad un ruolo di primo piano all’interno di questo nuovo approccio alla sanità e alla medicina ricercato in tutto il mondo. «All’estero, però, – conclude il presidente dell’ASSIMIS – dobbiamo continuare a guardare per le politiche di finanziamento. L’ex presidente di Stati Uniti Barack Obama ne aveva fatto una priorità, in particolare riguardo la medicina di precisione. Più in generale in tutti i principali Paesi ci sono notevoli investimenti che servirebbero anche in Italia per poter stare al passo con i tempi».

Articoli correlati
Formazione, assunzioni e stop liste d’attesa, la ricetta di De Poli (Udc) per il rilancio della Sanità
Il presidente del partito guidato da Lorenzo Cesa illustra a Sanità Informazione le sue priorità in ambito sanitario. E rilancia l’allarme sulla carenza di medici: «14 milioni di italiani rischiano di rimanere senza medici. Servono maggiori finanziamenti alle Scuole di Medicina e rivedere la programmazione ministeriale dei posti nelle Scuole di specializzazione medica»
Bologna, M5S: «Riconoscere l’estetica oncologica»
«La Regione Emilia-Romagna chieda al ministero della Salute di riconoscere la figura professionale in estetica oncologica». Ѐquesta la richiesta di Silvia Piccinini, capogruppo regionale del Movimento 5 stelle contenuta in una risoluzione che sarà discussa nelle prossime sedute dell’Assemblea legislativa. «Visto che ad una nostra interrogazione presentata qualche settimana fa, che chiedeva appunto l’inserimento dei tatuaggi medici tra i […]
Donne vittime di violenza: il Veneto crea i “professionisti dell’emergenza”
La Regione Veneto ha avviato un piano d’azione straordinario per supportare le donne vittime di violenza, dal momento in cui arrivano al pronto soccorso fino all’accesso nei centri antiviolenza e alle case “rifugio”. Questi sono gli obiettivi del percorso di formazione per i “professionisti dell’emergenza” attivato sulla base delle “linee guida per le aziende sanitarie e […]
Paura di rimanere ‘sconnessi’? «Attenzione la dipendenza può avere gravi conseguenze» il monito della Ministra Fedeli
Dal cyberbullismo alle fake news, l’uso distorto ed improprio del web preoccupa. La titolare del dicastero dell'Istruzione: «Occorre un patto educativo tra scuola, famiglie, istituzioni e media»
Formazione continua, turni di lavoro e turnover: quando gestire un ospedale diventa un gioco…
Milioni di persone in tutto il mondo vestono ogni giorno per divertimento i panni del Direttore di una struttura sanitaria. Fun Hospital è il gioco della Orange Games che presenta una sanità leggera e piacevole, ma che affronta problemi reali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...