Formazione 28 luglio 2015

Giovani medici spiazzati dai quesiti del test: «Il Regolamento del MIUR prevedeva tutt’altro» 

Federica Azzolini del Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi racconta a Sanità informazione la sua prima giornata di prove a Campobasso: «Niente caos, ma diverse criticità in tutta Italia»

La prima giornata di prove? Per ora il MIUR non ha mantenuto nessuna promessa». Stremata, dopo una mattinata passata a risolvere i 70 quesiti (comuni a tutte le aree di interesse), Federica Azzolini, portavoce del Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi, non nasconde il suo disappunto. Un sentimento condiviso da molti dei giovani medici che si sono seduti tra i banchi per il secondo concorso nazionale per l’accesso alle scuole di specializzazione. Azzolini racconta la sua prova, svolta a Campobasso, ma riporta anche tante testimonianze giunte al CNAS, e ribalzate anche sulle pagine dei social network, riguardo le criticità riscontrate. «Innanzitutto – spiega – il Ministero della Pubblica Istruzione aveva parlato di un test orientato su domande più attinenti alla professione e quindi con molti casi clinici. E invece tra le domande non ne abbiamo trovato neppure uno. C’erano invece diversi quesiti di statistica, medicina legale e pre-clinica. A me, e a tanti altri colleghi, è apparso chiaro che non c’è stato quel salto di qualità richiesto nella formulazione delle domande, palesemente nozionistiche».

Scorrendo tra le bacheche di Facebook e dei profili Twitter si legge poi di una presenza a macchia di leopardo delle forze dell’ordine, chiamate a presidiare, nonostante gli annunci del MIUR e altre problematiche relative all’assegnazione dei posti: in alcuni sedi casuali, in altre a sorteggio. «Trattandosi di un concorso nazionale – commentano dal CNAS – sarebbe necessario una omogeneità in tal senso».  Sempre restando alle prove non ci sono stati però i disguidi tecnico-informatici dello scorso anno, che avevano generato ricorsi a valanga ed esposto il MIUR a forti critiche. Almeno nella giornata d’apertura, a quanto pare, non ci sono stati episodi particolari.

La selezione, ad ogni modo, deve ancora completarsi: i 13.188 aspiranti specializzandi che stanno partecipando alle prove in tutta Italia (261 sedi , per un totale di 432 aule e oltre 15.652 postazioni elettroniche) saranno impegnati fino a venerdì. In palio ci sono, 6.363 contratti di formazione. Di questi 6.000 sono coperti con fondi statali, 363 da Regioni e altri enti. I contratti a copertura statale sono 1.000 in più rispetto al precedente concorso, ma ancora lontani dal colmare il gap con i candidati effettivi. «Dalle Regioni – conclude Federica Azzolini del CNAS – ci si aspettava uno sforzo maggiore, proporzionato a quello fatto dal MIUR.  Ora siamo concentrati sulle selezioni, ma come fatto nei mesi scorsi, porteremo avanti la nostra battaglia per ottenere uno sforzo sul piano della programmazione che possa dare a chi approccia alla professione un futuro con più garanzie e meno incertezze».

Un obiettivo difficile proprio mentre la sanità si trova al centro di un nuovo piano di riassetto con la scure dei tagli che potrebbe colpire, ancora una volta, duramente. Nonostante questo sono ancora migliaia i giovani che sognano di indossare il camice bianco. Per il concorso delle Specializzazioni resterà deluso uno su due (più di 6mila aspiranti per 13 mila posti: graduatorie dal 6 agoste sul portale www.universitaly.it) a chiusura di un imbuto formativo che si apre dal Numero Chiuso a Medicina. Nonostante i test psico-attitudinali introdotti da quest’anno nelle scuole Superiori, a settembre saranno più di 60mila a cimentarsi nel test d’accesso alla Facoltà di Medicina per guadagnarsi uno dei 9.513 posti disponibili.

Articoli correlati
Clownterapia, Andrea Tudisco Onlus: perché una casa e un sorriso sono come una medicina
I Clown Dottori della Onlus Andrea Tudisco operano nei reparti pediatrici e specialistici degli ospedali romani. Il loro compito? Sdrammatizzare le pratiche sanitarie e trasformare paura, rabbia e tristezza in fiducia e speranza
Sanità, Gallera (Ass. Sanità Lombardia): «Ministero Salute non sia subordinato al MEF. Aumentare al più presto contratti specializzazione»
Dalla governance farmaceutica alle liste d’attesa, intervista all’assessore Giulio Gallera: «Fondamentale avere flessibilità nell’utilizzare le risorse, nello spostare o aumentare i budget dei privati e per assumere il personale pubblico»
Carenza medici in GB: dopo la Brexit la formazione potrebbe essere più breve
Le regole europee impongono agli aspiranti medici un percorso formativo di almeno cinque anni. Una volta che la Gran Bretagna se ne sarà liberata con la Brexit, potrà decidere di accorciare il periodo di formazione necessario per poter esercitare la professione. Sarebbe questa, secondo quanto riportato dal Telegraph, una delle possibili soluzioni cui il Regno […]
Sapienza, la formazione universitaria cambia passo ed entra nel futuro. Rettore Gaudio: «Cambiamento epocale per i nostri medici»
Tre laboratori ad alta tecnologia per simulare pratiche mediche in situazioni di crisi o emergenza e la Biblioteca automatizzata di Architettura. Questi gli interventi di potenziamento della didattica realizzati alla Sapienza grazie al sostegno della Fondazione Roma
Osservatorio Ois, Bartolo: «Migranti e poveri, tanti progetti in cantiere. Il Papa ci segue passo passo»
Il medico, membro del direttivo della onlus, spiega i progetti futuri: «Saremo vicini agli ultimi, ai più deboli». Tra i progetti realizzati “Il Giardino” a Palermo, che coinvolge 60 bambini e 30 ragazzi, pensato per ridurre la povertà educativa dei minori coinvolti attraverso sport, arte e musica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Lavoro

Tasse e contributi, come non sbagliare la dichiarazione. La guida completa alla compilazione del Modello D

Entro il 31 luglio i camici bianchi che hanno svolto attività libero professionale nel 2017 devono compilare nell’area riservata Enpam il Modello D. Ecco come scegliere le aliquote, come calcolare ...