Formazione 11 maggio 2016

Come funzionerà la “laurea abilitante”. Sinergia Miur, FNOMCeO e Università

L’obiettivo comune è tagliare i tempi morti (circa una anno) tra la laurea e l’accesso alla formazione specialistica. Buonauro (SIGM): «Un primo passo per scrollarci di dosso un triste primato»

Tagliare i tempi morti e riuscire ad accedere alle scuole di specializzazione non appena laureati. O, almeno, poterci provare. Sono questi gli obiettivi portati al primo tavolo tecnico sulla laurea abilitante in Medicina presso il Ministero dell’Istruzione, rilanciato nei giorni scorsi dalla FNOMCeO e dal Consiglio Universitario Nazionale (CUN).

L’idea della laurea abilitante trova un sostanziale accordo, almeno nell’impostazione di partenza, tra i partecipanti al tavolo. Un segnale importante di comunione di intenti nel far sì che le lungaggini non necessarie, in un percorso formativo già lungo di per sé, vengano meno.
«Sicuramente togliendo i 6 – 11 mesi che in media intercorrono tra laurea e abilitazione si farebbe un primo passo per scrollarci di dosso un triste primato, cioè che in Italia si inizia la specializzazione molto più tardi che negli altri Paesi». E’ il commento di Agostino Buonauro, vicepresidente SIGM, l’associazione dei giovani medici che già da tempo si era fatta portavoce di questa istanza: «Già in passato la nostra associazione ha sostenuto con forza il fatto che non ci debbano essere queste perdite di tempo tra la laurea e l’abilitazione ma è possibile accorciare i tempi rendendo la laurea abilitante, inserendo nel percorso formativo del corso di laurea i tirocini. Siamo contenti – continua il vicepresidente SIGM – che sia stata finalmente avviata questa procedura. Bisogna capire che il corso di laurea in Medicina è già abbastanza lungo (6 anni) e più che aggiungere altro tempo vanno potenziati gli ultimi tre anni per la formazione e per il tirocinio».

E sarebbe proprio il ricomprendere il tirocinio professionalizzante nel secondo semestre dell’ultimo anno di corso la chiave di volta per la realizzazione della proposta. «L’esame di laurea e quello abilitante potrebbero svolgersi addirittura nell’arco della stessa giornata o comunque a brevissima distanza tra loro, come peraltro già accade per altre professioni sanitarie» suggerisce Luigi Conte, segretario nazionale FNOMCeO, che in un’intervista alSole 24 Ore aggiunge: «Basterebbe un decreto ministeriale per facilitare a migliaia di giovani medici la vita e l’accesso al lavoro».

Per la prova abilitante la FNOMCeO propone l’adozione di nuovi strumenti valutativi, come un progress test per la prova scritta e la presentazione e discussione di casi clinici seguiti durante il tirocinio, ed una modifica della Commissione d’esame, con un organismo terzo di valutazione in cui ai quattro professionisti designati dall’Ordine dei medici e ai quattro nominati dalla facoltà di Medicina se ne affianchino uno indicato dal ministero della Salute e due scelti dall’assessorato alla Salute tra professionisti esperti presenti sul territorio di competenza della singola università. Il presidente della commissione per gli esami di Stato entrerebbe a far parte della Commissione di esami di laurea.
E per la tempistica? Sempre FNOMCeO propone  «una prima sessione di esame con l’adempimento del tirocinio trimestrale di valutazione nei mesi di luglio, settembre e ottobre; poi a seguire, il progress test il 10 novembre, l’esame di laurea il 20 novembre e l’esame per l’accesso alle scuole di specializzazione ai primi di dicembre di ogni anno. Chi non supera il tirocinio valutativo lo ripete in gennaio, febbraio e marzo; chi invece supera il tirocinio ma non il progress test, ripete quest’ultimo in aprile e, in caso di esito positivo, accede all’esame di laurea in maggio».

Articoli correlati
Tra rabbia e speranza, gli aspiranti specializzandi dopo il concorso: «Domande più difficili e troppo nozionistiche»
«Vedevo i computer dei miei vicini, c’era confusione ma nessuno è stato ripreso». Alcuni candidati si sfogano, altri con le dita incrociate sperano di entrare nella scuola che sognano. Per tutti le borse sono poche, per molti la struttura del concorso andrebbe modificata. Interviene il Ministro Grillo: «Revisioneremo il sistema di formazione medica post-laurea»
Numero chiuso, 800 posti in più a Medicina. Gaudio (Sapienza): «Necessari per far fronte a carenza medici»
Saranno 9779 gli aspiranti camici bianchi che potranno immatricolarsi in autunno. Comunicate anche le date dei test: si inizia il 4 settembre con Medicina e Odontoiatria, il 5 con Veterinaria, il 12 sarà la volta delle Professioni sanitarie ed il 13 dei corsi in inglese
Osteopatia e chiropratica sono professioni sanitarie? De Sena (Simmfir): «La legge c’è, mancano i decreti attuativi»
Avrebbero dovuto attenere il riconoscimento, al pari degli ostetrici, dei tecnici di radiologia o degli infermieri, già prima di questa estate. Almeno stando alla legge 11 gennaio 2018 n. 3. Ma mancano i decreti attuativi. L’intervista a Giampaolo de Sena vice segretario del Sindacato Italiano Medici di Medicina Fisica e Riabilitativa
di Isabella Faggiano
“Percorso azzurro”, la campagna Lilt per prevenire i tumori maschili
“Percorso azzurro” è la prima campagna nazionale dedicata alla prevenzione dei tumori maschili. Il convegno di presentazione si terrà a Roma il prossimo 13 giugno presso il Tempio di Adriano, in piazza di Pietra. Nella giornata di giovedì 14 giugno, inoltre, sarà possibile prenotare (sino ad esaurimento dei posti) presso la LILT di Roma visite urologiche con […]
Steatosi epatica non alcolica: l’incontro al Policlinico Umberto I
NAFLD o NASH, dipende dallo stadio della malattia: la prima è la “Steatosi epatica non alcolica”, la seconda si è trasformata in “Steatoepatite non alcolica”. In entrambi i casi, si tratta di un fegato in sofferenza tra i milioni che soffrono in silenzio. La fondazione internazionale NASH Education Program ha promosso per il 12 giugno […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Salute

Autismo e nuovi Lea, Marino (Fia): «Ancora due anni per attuazione, ma autistici diventeranno una categoria protetta»

«Grazie ai nuovi Lea i pazienti autistici potranno finalmente ricevere l’assistenza adeguata alla propria patologia, così come prescritto dalle Linee Guida per l’Autismo. Necessario mezzo miliar...
di Isabella Faggiano