Giovani 11 maggio 2016

Come funzionerà la “laurea abilitante”. Sinergia Miur, FNOMCeO e Università

L’obiettivo comune è tagliare i tempi morti (circa una anno) tra la laurea e l’accesso alla formazione specialistica. Buonauro (SIGM): «Un primo passo per scrollarci di dosso un triste primato»

Tagliare i tempi morti e riuscire ad accedere alle scuole di specializzazione non appena laureati. O, almeno, poterci provare. Sono questi gli obiettivi portati al primo tavolo tecnico sulla laurea abilitante in Medicina presso il Ministero dell’Istruzione, rilanciato nei giorni scorsi dalla FNOMCeO e dal Consiglio Universitario Nazionale (CUN).

L’idea della laurea abilitante trova un sostanziale accordo, almeno nell’impostazione di partenza, tra i partecipanti al tavolo. Un segnale importante di comunione di intenti nel far sì che le lungaggini non necessarie, in un percorso formativo già lungo di per sé, vengano meno.
«Sicuramente togliendo i 6 – 11 mesi che in media intercorrono tra laurea e abilitazione si farebbe un primo passo per scrollarci di dosso un triste primato, cioè che in Italia si inizia la specializzazione molto più tardi che negli altri Paesi». E’ il commento di Agostino Buonauro, vicepresidente SIGM, l’associazione dei giovani medici che già da tempo si era fatta portavoce di questa istanza: «Già in passato la nostra associazione ha sostenuto con forza il fatto che non ci debbano essere queste perdite di tempo tra la laurea e l’abilitazione ma è possibile accorciare i tempi rendendo la laurea abilitante, inserendo nel percorso formativo del corso di laurea i tirocini. Siamo contenti – continua il vicepresidente SIGM – che sia stata finalmente avviata questa procedura. Bisogna capire che il corso di laurea in Medicina è già abbastanza lungo (6 anni) e più che aggiungere altro tempo vanno potenziati gli ultimi tre anni per la formazione e per il tirocinio».

E sarebbe proprio il ricomprendere il tirocinio professionalizzante nel secondo semestre dell’ultimo anno di corso la chiave di volta per la realizzazione della proposta. «L’esame di laurea e quello abilitante potrebbero svolgersi addirittura nell’arco della stessa giornata o comunque a brevissima distanza tra loro, come peraltro già accade per altre professioni sanitarie» suggerisce Luigi Conte, segretario nazionale FNOMCeO, che in un’intervista alSole 24 Ore aggiunge: «Basterebbe un decreto ministeriale per facilitare a migliaia di giovani medici la vita e l’accesso al lavoro».

Per la prova abilitante la FNOMCeO propone l’adozione di nuovi strumenti valutativi, come un progress test per la prova scritta e la presentazione e discussione di casi clinici seguiti durante il tirocinio, ed una modifica della Commissione d’esame, con un organismo terzo di valutazione in cui ai quattro professionisti designati dall’Ordine dei medici e ai quattro nominati dalla facoltà di Medicina se ne affianchino uno indicato dal ministero della Salute e due scelti dall’assessorato alla Salute tra professionisti esperti presenti sul territorio di competenza della singola università. Il presidente della commissione per gli esami di Stato entrerebbe a far parte della Commissione di esami di laurea.
E per la tempistica? Sempre FNOMCeO propone  «una prima sessione di esame con l’adempimento del tirocinio trimestrale di valutazione nei mesi di luglio, settembre e ottobre; poi a seguire, il progress test il 10 novembre, l’esame di laurea il 20 novembre e l’esame per l’accesso alle scuole di specializzazione ai primi di dicembre di ogni anno. Chi non supera il tirocinio valutativo lo ripete in gennaio, febbraio e marzo; chi invece supera il tirocinio ma non il progress test, ripete quest’ultimo in aprile e, in caso di esito positivo, accede all’esame di laurea in maggio».

Articoli correlati
Race for the cure, inaugurato il villaggio della salute
È stato inaugurato questa mattina il Villaggio della Salute – Race for the Cure, che darà il via alla quattro giorni dedicata alla salute, allo sport e al benessere per la lotta ai tumori del seno in programma al Circo Massimo fino al 20 maggio. Insieme a Riccardo Masetti, Presidente di Komen Italia, presenti al […]
EndoLive 2018, al Policlinico Gemelli tutte le innovazioni per l’endoscopia digestiva
Le più importanti novità nell’ambito dell’endoscopia digestiva andranno in scena dal 16 al 18 maggio 2018 a Roma, in occasione di “EndoLive Roma 2018” presso l’Auditorium dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. Il workshop è organizzato dal professor Guido Costamagna, direttore dell’Unità Operativa Complessa di Endoscopia Digestiva Chirurgica della Fondazione Policlinico A. Gemelli IRCSS – Università Cattolica […]
Giornata della Sclerosi Tuberosa, il testimonial è Giovanni Caccamo: «Malattie rare hanno bisogno di voce»
#Insiemesiamomusica è l’iniziativa di sensibilizzazione sulla sclerosi tuberosa. Testimonial d’eccezione dello spot su youtube il pupillo del Maestro Battiato, Giovanni Caccamo: «Inseriamo la musicoterapia all’interno dei percorsi assistenziali e terapeutici; la musica ti conduce altrove e concede un momento di armonia»
“Una bufala ci seppellirà?”: la campagna FNOMCeO contro le fake news sulla salute
Al via l'iniziativa della Federazione per combattere fake news in tema salute. Il Presidente Filippo Anelli: «La salute la curano i medici, sempre a disposizione dei cittadini per rispondere a tutti i bisogni»
“Telemedicina in emergenza-urgenza”, il convegno CIMO a Perugia
La Telemedicina ancora non decolla in Italia, è stata adottata a macchia di leopardo o con investimenti sbagliati, mentre in tutto il mondo i suoi vantaggi sono riconosciuti e sfruttati in termini di efficacia, qualità e risparmio. Prende le mosse da questo scenario il confronto tra esperti dedicato a “Telemedicina in emergenza-urgenza” organizzato dal sindacato […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«Sono un medico e non provo emozioni». Ecco cos’è il burnout

«È tardi. Arriva la mia ultima paziente. Dai suoi esami emergono cattive notizie. Il tumore è cresciuto. So come comportarmi in questi casi. Parlo piano, utilizzo le parole “giuste”. Lei crolla...
Lavoro

Ex specializzandi 1993-2006: «Riconosciuto diritto ad incremento triennale»

L’avvocato Marco Tortorella, uno dei massimi esperti della materia, spiega cosa cambia con le ultime sentenze del Tribunale di Roma: «La rivalutazione era prevista dalla normativa ma non era mai st...
Lavoro

Silvestro (Past President FNOPI): «Copiamo i medici e introduciamo infermieri di famiglia e infermieri specialisti»

L’ex Senatrice PD descrive la figura dell’infermiere di famiglia elencandone ruoli e benefici e auspica il riconoscimento delle specializzazioni infermieristiche