Formazione 25 gennaio 2018

Formazione continua, turni di lavoro e turnover: quando gestire un ospedale diventa un gioco…

Milioni di persone in tutto il mondo vestono ogni giorno per divertimento i panni del Direttore di una struttura sanitaria. Fun Hospital è il gioco della Orange Games che presenta una sanità leggera e piacevole, ma che affronta problemi reali

Immagine articolo

Cosa significa avere la completa responsabilità della gestione di un ospedale? Chiunque diriga – o abbia diretto, in particolar modo in Italia – una struttura ospedaliera, sa bene che avere a che fare ogni giorno con centinaia di pazienti bisognosi di cure e costante attenzione, decine di operatori sanitari, infermieri e chiunque lavori a vario titolo nel complesso, con tutte le dinamiche che si vengono a creare al suo interno, può rivelarsi un compito di difficoltà estrema. Certo, i lavori più difficili sono spesso anche quelli più appassionanti. Ma è possibile vedere anche il lato puramente ludico di questo tipo di impegno? La risposta è: sì, è possibile.

Fun Hospital è un gioco della Oranges Games per Mobile e Desktop che cala il gamer nei panni di un Direttore di ospedale che nelle sue mani ha non solo il futuro della struttura, ma anche la vita delle persone. Il gioco è il classico gestionale in cui l’utente deve costruire, gestire ed ampliare un ospedale comprensivo di reparti, personale e attrezzature. Si parte da zero, con quattro mura e stanze vuote. Con il budget iniziale a disposizione (molto risicato) deve pian piano realizzare i vari reparti, assumere e formare il personale, acquistare l’attrezzatura necessaria a far fronte alle più disparate (e improbabili) patologie che i pazienti manifestano.

Lo scopo, ovviamente, è quello di curare al meglio i pazienti, ricevendo in cambio soldi e gemme che possono essere impiegati per aumentare la qualità del servizio e la capienza della struttura. Andando avanti nel gioco è infatti possibile ampliare a dismisura la capienza dell’ospedale grazie alla creazione di diverse tipologie di stanze.

Prima di tutto, però, nelle sale vanno aggiunti macchinari e medici. L’assunzione del personale è un momento fondamentale. Il giocatore ha a disposizione un catalogo in cui appaiono medici e infermieri, ognuno con le sue caratteristiche, come abilità, efficienza ed energia massima. Andando avanti nel gioco si capisce quanto sia importante non sottovalutare il momento della valutazione dei nuovi assunti, perché se il personale non si dimostra in grado di stare dietro a tutte le esigenze della struttura, va sostituito con forze fresche o a rimetterci saranno i pazienti e il bilancio.

I medici migliorano le proprie caratteristiche sia operando che frequentando corsi di formazione. Esistono infatti le sale studio in cui il personale può aggiornarsi per migliorare le proprie caratteristiche e quindi diventare più efficiente. Con attività di formazione continue il responsabile della struttura può dunque assicurarsi dipendenti sempre all’altezza delle crescenti difficoltà e criticità che possono presentarsi in ogni momento. Capacità che poi possono essere impiegate per utilizzare al meglio le nuove tecnologie che vengono messe mano a mano a disposizione del giocatore.

Altro aspetto da non sottovalutare è poi il rispetto dei turni di lavoro del personale. Se un medico o un infermiere viene spremuto troppo, non lavora bene e può licenziarsi. E se questo è un problema di difficile risoluzione per il nostro Servizio sanitario nazionale (quello vero, non virtuale), in Fun Hospital può essere aggirato grazie allo staff “Elite”: si tratta di medici e infermieri che si acquistano con le gemme ed hanno una caratteristica unica: non riposano mai. Averli nei propri reparti significa ottenere un vantaggio enorme rispetto agli altri giocatori e poter superare sfide e missioni più remunerative.

Certo, un ospedale che si finanzia con gemme, rispetta gli orari di lavoro del personale e che ha in servizio medici che non riposano mai (oltre che un macchinario speciale che riporta in vita chi è deceduto) sarebbe il sogno di ogni Servizio sanitario. Peccato, appunto, che sia solo un gioco.

LEGGI ANCHE: REALTA’ VIRTUALE, SIMULATORI, VIDEOGAME E MANICHINI: ECCO LA FORMAZIONE 4.0

Articoli correlati
Clownterapia, Andrea Tudisco Onlus: perché una casa e un sorriso sono come una medicina
I Clown Dottori della Onlus Andrea Tudisco operano nei reparti pediatrici e specialistici degli ospedali romani. Il loro compito? Sdrammatizzare le pratiche sanitarie e trasformare paura, rabbia e tristezza in fiducia e speranza
Carenza medici in GB: dopo la Brexit la formazione potrebbe essere più breve
Le regole europee impongono agli aspiranti medici un percorso formativo di almeno cinque anni. Una volta che la Gran Bretagna se ne sarà liberata con la Brexit, potrà decidere di accorciare il periodo di formazione necessario per poter esercitare la professione. Sarebbe questa, secondo quanto riportato dal Telegraph, una delle possibili soluzioni cui il Regno […]
Sapienza, la formazione universitaria cambia passo ed entra nel futuro. Rettore Gaudio: «Cambiamento epocale per i nostri medici»
Tre laboratori ad alta tecnologia per simulare pratiche mediche in situazioni di crisi o emergenza e la Biblioteca automatizzata di Architettura. Questi gli interventi di potenziamento della didattica realizzati alla Sapienza grazie al sostegno della Fondazione Roma
Osservatorio Ois, Bartolo: «Migranti e poveri, tanti progetti in cantiere. Il Papa ci segue passo passo»
Il medico, membro del direttivo della onlus, spiega i progetti futuri: «Saremo vicini agli ultimi, ai più deboli». Tra i progetti realizzati “Il Giardino” a Palermo, che coinvolge 60 bambini e 30 ragazzi, pensato per ridurre la povertà educativa dei minori coinvolti attraverso sport, arte e musica
Fondazione Ime, la protesta dei lavoratori: «Chiusura ingiustificabile. A rischio anche il diritto alle cure di molti pazienti da tutto il mondo»
“Ricollocazione”: è questa la richiesta unanime dei professionisti dell’Istituto Mediterraneo di Ematologia che, dopo 15 anni di prestigiosa attività di cooperazione sanitaria internazionale, rischia la chiusura. Lavoratori chiedono un incontro con le Istituzioni
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Salute

Autismo e nuovi Lea, Marino (Fia): «Ancora due anni per attuazione, ma autistici diventeranno una categoria protetta»

«Grazie ai nuovi Lea i pazienti autistici potranno finalmente ricevere l’assistenza adeguata alla propria patologia, così come prescritto dalle Linee Guida per l’Autismo. Necessario mezzo miliar...
di Isabella Faggiano