Formazione 9 giugno 2015

«Formazione e tutela: anche nel privato è il medico il protagonista»

Intervista a Lorenzo Miraglia, nuovo presidente nazionale di AIOP Giovani.«Maggiore sinergia con le istituzioni e meno differenze tra pubblico e privato accreditato»

Immagine articolo

Cambiano i vertici di AIOP Giovani. Dopo aver ricoperto lo stesso ruolo per tre anni nella sezione Lazio, Lorenzo Miraglia è il nuovo presidente dell’Associazione Italiana Ospedalità Privata Giovani. Al suo fianco tre vicepresidenti: Matteo Bonvicini per l’Area Nord, Gianni Costa per l’Area Centro e Luca Valerio Radicati per l’Area Sud.

Miraglia sostituisce l’uscente Domenico Musumeci, che aveva ricoperto la stessa carica negli scorsi tre anni. Sanità informazione lo ha intervistato per capire come cambierà la politica di AIOP prevista per il prossimo triennio e quali sono le priorità del nuovo corso.

«Ci aspetta un lavoro molto interessante che sia io che tutta la mia squadra svolgeremo con passione. Si tratta di un lavoro certamente diverso da quello che ho portato avanti negli anni scorsi, in quanto se prima coordinavo i giovani dell’AIOP di una sola Regione, ora devo coordinare quelli di tutta Italia. Il che non è facile, se consideriamo nel nostro Paese esistono tanti sistemi sanitari quante sono le Regioni. Abbiamo comunque diversi obiettivi ben precisi da perseguire: dobbiamo alimentare la cultura della sanità coinvolgendo tutti i giovani che operano nelle strutture private accreditate e garantire a tutti la giusta formazione lavorativa. L’obiettivo più importante e in cui mi spenderò di più è però quello di provare a cambiare la cultura sanitaria a livello nazionale. Non parlo solo di noi giovani, ma anche dei giovanissimi delle scuole medie inferiori e superiori e spiegargli l’importanza della sanità anche a livello culturale. Dobbiamo far capire qual è l’importanza degli erogatori privati e pubblici e del lavoro che fanno insieme, sinergicamente, per cambiare quello che è attualmente lo stato dell’arte nella sanità italiana».

Un lavoro sul campo ma anche al fianco delle istituzioni, particolarmente attente in questo periodo ai temi che stanno più a cuore ai medici.
«Assolutamente sì. Noi siamo imprenditori e gestiamo strutture sanitarie ma è chiaro che il motore che fa andare avanti tutta la macchina è il medico. Dobbiamo stare al fianco della classe medica in modo da migliorare le condizioni in cui lavorano gli operatori sanitari e affievolire le differenze che esistono tra settore pubblico e privato accreditato».

Differenze, quelle tra i due settori, che spesso gravano sui singoli lavoratori. Succede, ad esempio, in ambito assicurativo, dove persiste il caos e aumentano le differenze tra medici pubblici e privati. Ci sono, al momento, diverse proposte di legge sul tema, e fino a quando non sarà emanata una legge quadro unica al medico privato non resta che affidarsi ad una tutela legale completa.
«Tra i vari ruoli che avrò in qualità di presidente dell’AIOP Giovani ci sarà anche quello di far capire a chi di dovere la totale differenza di regole e interpretazioni che hanno gli ospedali pubblici e le strutture private. Ma in che modo possiamo farlo? Certamente non attraverso pressioni sul legislatore per fargli cambiare le regole perché dovremmo lottare contro il potere di lobby molto forti che hanno grandi interessi nel settore assicurativo. Quello che possiamo fare è tentare di lavorare in modo da ridurre il ricorso alla medicina difensiva. Ecco, dobbiamo aprire i nostri ospedali, far entrare i cittadini e fargli capire cos’è la medicina e come funziona. In questo modo capiranno che l’uomo di medicina è un essere umano come gli altri, e come gli altri può sbagliare».

Articoli correlati
AGENAS: al via il Tavolo istituzionale assistenza territoriale
Si è insediato presso AGENAS il Tavolo Istituzionale, previsto dal DM 70/2015, per la riorganizzazione della rete dei servizi territoriali (RE.SE.T) e l’integrazione dell’assistenza ospedale-territorio. Il tavolo, coordinato dall’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali, è composto da rappresentanti del Ministero della Salute, di AGENAS, delle Regioni indicate dalla Commissione Salute: Lombardia, Emilia Romagna, Friuli […]
Emergenza Sorrisi festeggia il decennale e parte per il Senegal. Il Presidente Abenavoli: «Altra grande sfida»
Formare i medici locali e operare i bambini affetti da palatoschisi: ecco gli obiettivi di Emergenza Sorrisi. La ONG, guidata dal chirurgo plastico Fabio Massimo Abenavoli, festeggia dieci anni di attività con una mostra fotografica che raccoglie tutte le missioni umanitarie fatte finora
Emergenza Sorrisi, il decennale dell’organizzazione. Abenavoli: «Ci auguriamo altri dieci anni di sorrisi»
Ripercorrere le tappe di Emergenza Sorrisi dalla sua fondazione nel 2007 fino ad oggi, questo lo scopo del Convegno dal titolo "10 anni di cooperazione con Emergenza Sorrisi”, che si è svolto alla Camera dei Deputati
Stefano De Lillo si candida all’Omceo Roma: «Superare le divisioni per lavorare uniti per il meglio dei medici»
«Superare le divisioni e lavorare insieme per rilanciare l’immagine del medico nella società». Così Stefano De Lillo ha presentato la sua candidatura alla presidenza dell’OMCeO di Roma
Anestesisti, in calo le denunce per malpractice. Marinangeli, (AAROI EMAC Simulern): «Merito della formazione»
«Dato confortante, l’obiettivo è assicurare sempre il massimo della qualità» lo dichiara Alessandro Vergallo, Presidente Nazionale AAROI-EMAC in occasione della presentazione dello studio dell’Osservatorio nazionale permanente sul contenzioso medico-legale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...