Formazione 9 febbraio 2016

Ex specializzandi, il Parlamento fissa i tempi dei rimborsi

È sprint di ricorsi per i medici. Aiello (Ncd): «Sulla spinta della mozione a firma di 21 senatori calendarizzato un testo di legge unificato per l’accordo transattivo». Lala (OMCeO Roma): «Pochi i colleghi che non si sono ancora mossi»

Immagine articolo

La svolta è arrivata. Lo Stato è pronto a sbloccare i rimborsi per gli ex specializzandi. In arrivo un Ddl unificato, dopo la mozione presentata da 21 senatori che impegnava il governo a garantire un congruo indennizzo a tutti i medici che hanno fatto ricorso, facendo risparmiare allo Stato oltre 5 miliardi di euro. La notizia è stata data dal senatore Ncd Piero Aiello, primo firmatario della mozione.


Perché per risolvere finalmente il contenzioso tra Stato e tutti quei medici che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico per gli anni di scuola post-laurea tra il 1978 e il 2006, non basta la volontà dei diretti interessati. Serve un interesse politico. E dopo il documento redatto da 21 senatori, depositato alcuni giorni fa, arriva un Disegno di Legge unico – che nel giro di pochi mesi sarà già in Aula – per dare maggior peso ai tre già in discussione in Parlamento. A testimonianza di una volontà politica trasversale di mettere un punto definitivo ad una diatriba che si tira avanti da decenni e che è già costata molto cara alle casse dello Stato. Dopo anni di battaglie in tribunale e in Parlamento, si avvicina dunque la transazione richiesta a gran voce dai medici, quale migliore soluzione del problema: «Quella relativa alle borse di studio per gli ex specializzandi – spiega il presidente dell’Ordine dei Medici di Roma, Roberto Lala – è una legge che per anni è stata disattesa dal nostro Paese. Per questo è chiaro che tutti i professionisti danneggiati abbiano dato corso ad un’azione giudiziaria per vedersi riconosciuto un diritto. I giudici – aggiunge Lala – hanno ovviamente continuato a dar ragione ai ricorrenti man mano che la vicenda diventava sempre più chiara». Andando avanti così, però, il rischio di esborso totale da parte dello Stato «diventerebbe enorme», e allora «ben venga una soluzione, chiesta da lungo tempo, che vada incontro ai diritti di chi ha subito l’ingiustizia a suo tempo e che chiuda la vicenda anche se con una parziale remissione economica, comunque compensata dal non dover intraprendere un’azione giudiziaria». Una soluzione che, secondo il presidente Lala, rappresenta un’ottima opportunità anche dal punto di vista dello Stato, che con una transazione non sarebbe più costretto a pagare cifre altissime: «Un conto – spiega – è versare la quota dovuta, più spese legali, rivalutazioni e tutto ciò che ne consegue, un conto è versarla in parte. Credo che rappresenti un tale vantaggio per lo Stato e i 21 parlamentari», autori della mozione, «meritano di essere ascoltati». Ma tutto ciò deve avvenire «nell’interesse generale» e non «in quello dei singoli», perché tanto «i singoli vincono un ricorso dietro l’altro».

Tra le principali realtà di tutela della classe medica, Consulcesi, da sempre in prima linea nella lotta giudiziaria che vede contrapporsi Stato ed ex specializzandi, ricorda l’importanza di formalizzare i ricorsi prima della trasformazione in legge, come specificato nella mozione. Il presidente di Consulcesi Group, Massimo Tortorella, è felice che la politica abbia finalmente capito la portata del problema: «In questi anni – commenta Tortorella – abbiamo lavorato bene: abbiamo assunto correttamente il mandato che ci è stato dato dal mondo medico-sanitario, che voleva vedersi riconosciuto il diritto alle borse di studio, erogate in tutta la Comunità europea tranne che in Italia. Ci sono state infrazioni da parte dello Stato italiano, e dei governi italiani, che noi abbiamo sanato, perché la presidenza del Consiglio in questi ultimi due anni ha pagato centinaia di milioni di euro ai nostri medici, grazie alle cause che abbiamo vinto. Di questo siamo molto contenti. La giurisprudenza ormai è consolidata – conclude il presidente Massimo Tortorella – e totalmente favorevole ai camici bianchi, che vincono e ricevono i rimborsi in tempi sempre più veloci. Dopo questa accelerata, ora i medici devono affrettarsi a formalizzare i ricorsi per assicurarsi il rimborso previsto dall’accordo transattivo, perché il tempo per farlo stringe. E difatti già tanti OMCeO, Enti, Associazioni, Sindacati e Società Scientifiche hanno provveduto a convenzionare tutti i loro iscritti per prendere parte alle prossime e imminenti azioni collettive. A disposizione di chiunque voglia ricevere più informazioni e capire meglio cosa fare per agire e vedersi riconosciuto un diritto certo, ci sono i nostri avvocati e consulenti legali contattabili al numero verde 800.122.777 e sul sito internet www.consulcesi.it».

Articoli correlati
Ex specializzandi, a Firenze rimborsi per 15 milioni. L’avvocato Tortorella: «L’evoluzione giurisprudenziale prosegue, cause più veloci»
«Com’è giusto pagare le tasse, così è giusto che lo Stato rispetti i diritti» la voce dei medici rimborsati dopo anni di formazione specialistica non riconosciuta economicamente
Medici in corsia senza essere pagati, lo Stato li risarcisce con oltre 15 milioni di euro
Marco Tortorella, avvocato specialista del contenzioso tra lo Stato e gli ex specializzandi: «Come confermato dal recente e autorevole parere pro veritate il termine di prescrizione non è decorso, noi continuiamo nel nostro lavoro a tutela dei medici»
Ex specializzandi, a Firenze arrivano i rimborsi ai medici e nuove interpretazioni giuridiche riaprono i termini della prescrizione
Consulcesi, network legale leader in ambito sanitario, giovedì 21 giugno, consegnerà a Firenze gli assegni ai medici fiorentini e delle altre province toscane. Tra i relatori Federico Gelli, Responsabile del Rischio in Sanità di Federsanità Anci
«Diseguaglianze, formazione ed ex specializzandi, le prime sfide del Ministro Grillo». Intervista al Presidente FNOMCeO Filippo Anelli
Tutti i nodi da sciogliere sul tavolo del nuovo Governo: «Un’Italia divisa in due, la fuga di cervelli e una programmazione da riorganizzare: la partita è aperta»
Ex specializzandi, si riapre tutto: «La prescrizione non è mai scattata»
Il parere: «Senza normative e sentenze chiare e univoche, la prescrizione ad oggi non è decorsa». Consulcesi: «Pronta nuova azione collettiva»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Dal corso MMG a Montecitorio, la storia di Rosa Menga (M5S): «Noi medici di famiglia portavoce dei pazienti in Parlamento»

È uno dei più giovani parlamentari della XVIII Legislatura e frequenta il corso di formazione in medicina generale: «Serve una visione meno ospedalocentrica dell’assistenza sanitaria. Telemedina ...
Diritto

Consenso informato, l’avvocato Pittella: «Per medico meno responsabilità civile o penale»

«I giudici in caso di contenzioso chiedono al paziente se è stato correttamente informato. Ma come si fa a saperlo? Un video, un audio, un consenso scritto in presenza dei testimoni? Questo è quell...
Formazione

Numero chiuso, 800 posti in più a Medicina. Gaudio (Sapienza): «Necessari per far fronte a carenza medici»

Saranno 9779 gli aspiranti camici bianchi che potranno immatricolarsi in autunno. Comunicate anche le date dei test: si inizia il 4 settembre con Medicina e Odontoiatria, il 5 con Veterinaria, il 12 s...