Formazione 27 giugno 2017

Emergenza acqua, Lucentini (Ambiente e Salute ISS): «In Italia acqua eccellente, il problema è lo spreco»

Siccità, quali azioni in campo? Parla lo specialista dell’Istituto Superiore di Sanità

Immagine articolo

In Italia sono giorni di emergenza idrica. Le temperature estremamente alte in tutta la Penisola hanno innescato l’allarme siccità e il conseguente stato di emergenza. Si discute sull’efficienza delle nostre reti idriche nazionali, sulla necessità di stanziare fondi e utilizzarli nel settore idropotabile per assicurare scorte di acqua anche nei periodi di maggiore crisi.

Altro tema su cui è sempre aperto il dibattito è la qualità dell’acqua: quali sono le componenti che la caratterizzano, e quali le soluzioni per evitare la dispersione del bene di prima necessità, messo a dura prova da condizioni climatiche ostili e dal surriscaldamento globale?

A parlarne Luca Lucentini, Direttore del Reparto di Igiene delle Acque Interne del Dipartimento Ambiente e Salute dell’Istituto Superiore di Sanità in occasione dell’evento ‘Ambiente e salute‘ presso l’Istituto in Viale Regina Elena.

«Presso il Dipartimento Ambiente e Salute dell’Istituto Superiore di Sanità, monitoriamo circa 55 parametri presenti nelle acque italiane (tra cui ph, residuo fisso, conducibilità elettrica, alcanilità) – spiega il Dottor Lucentini -. Da recenti monitoraggi emergono ottimi risultati, soprattutto negli ultimi tempi: attualmente la conformità ai parametri di ottima qualità rasenta il 100%. Tuttavia, il problema più grave, la vera emergenza, è la perdita d’acqua».

«Il mondo della sanità deve essere il principale driver – prosegue – anche per indicare quali investimenti nel settore idropotabile e infrastrutturale sono necessari per assicurare scorte d’acqua e correre ai ripari rispetto ai danni provocati dai cambiamenti climatici. Quindi la comunità scientifica deve fare da guida e indicare la strada da seguire».

In ogni caso, ci tiene a precisare il Dottor Lucentini, «le acque italiane sono assolutamente eccellenti e ottime rispetto agli standard qualitativi e ai report degli altri stati membri. Tuttavia, non possiamo nascondere alcune criticità importanti: a parte la dispersione dell’acqua, un altro rischio elevato che va tenuto sotto controllo è la possibilità di contaminazione. Basti pensare al caso recente del Veneto, dove le acque sono state contaminate da sostanze perfluoroalchiliche dannose per la salute, oppure al caso della Versilia con l’emergenza tallio. Preso atto di queste gravi situazioni, è fondamentale incentivare la prevenzione e un’azione di monitoraggio costante volta ad evitare queste conseguenze».

LEGGI ANCHE: DIMMI DOVE VIVI, TI DIRÒ COME STAI: COME L’AMBIENTE CONDIZIONA IL NOSTRO BENESSERE

Articoli correlati
Vaccini in Italia dal 1900 ad oggi, lo studio dell’ISS: «Evitati 4 milioni di casi e decine di migliaia di morti»
I dati analizzati dal Dipartimento Malattie Infettive dell’Istituto Superiore di Sanità e pubblicati sulla rivista Vaccine parlano chiaro. L’autore Pezzotti: «I programmi di vaccinazione universale rappresentano lo strumento di prevenzione più efficace contro le malattie infettive ed i risultati di questo studio devono rafforzare la fiducia dei cittadini»
Infezioni sessualmente trasmissibili in aumento: a rischio la fascia tra 15 e 24 anni
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, a livello globale, l’incidenza delle infezioni sessualmente trasmissibili è calcolata in un milione di nuove infezioni al giorno. In Italia, la fascia d’età più a rischio è quella dei giovani tra i 15 e i 24 anni, poco informati su come prevenirle, come si contraggono e come si curano. Per questo, nasce la […]
Napoli, Ricciardi (ISS): «Qualità della vita? Si vivono 8 anni in meno»
Il Sud d’Italia occupa l’ultimo posto in graduatoria, in Europa, in termini di aspettativa di vita. E non basta. La zona di Napoli è «la peggiore dove nascere» con un gap di ben 8 anni rispetto ai paesi Ue. A sostenerlo, durante la puntata del programma televisivo Presa Diretta, è il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss) […]
Morti materne, Federazione nazionale ostetriche: lavorare su casi evitabili con assistenza adeguata e specializzata
Tra il 2013 ed il 2016 si sono verificate in Italia 88 morti materne, entro i 42 giorni dall’esito della gravidanza. È questo uno dei primi risultati dello studio dell’Istituto Superiore di Sanità che ha raccolto i dati regionali resi noti nel corso del convegno “I progetti Iss-Regioni per migliorare l’assistenza alla nascita in Italia: un […]
Caso Pfizer-Alzheimer e Parkinson, Spadin (Aima): «Appello alle forze politiche, non lasciate soli malati e famiglie»
Dopo la rinuncia alla ricerca sulle malattie neurodegenerative da parte del colosso farmaceutico, interviene la presidente dell’associazione dei familiari che sottolinea: «Ci sentiamo un po’ più soli ma sappiamo che tanti altri stanno portando avanti importanti studi»
di Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Lavoro

Pensioni, tutte le soluzioni per aumentare l’importo con aliquota e riscatto: le scadenze al 31 gennaio

Versando una quota contributiva aggiuntiva, una volta in pensione si percepirà un importo maggiore. Ma oltre all’aliquota modulare, riservata ad alcune categorie, l’Enpam offre altri utili strume...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...