Formazione 1 marzo 2016

ECM, dal Parlamento arriva l’appello al rigore: «Sanare la propria situazione o scatteranno sanzioni»

Il senatore Lucio Romano (Democrazia Solidale): «L’aggiornamento sia sostanziale e non formale»

Immagine articolo

Ben venga il rigore, ma non sia formale. Ci si avvalga, invece, di percorsi seri, controllati, monitorati, attentamente seguiti dal ministero». È l’appello del senatore Lucio Romano (Democrazia Solidale), attento alla questione della formazione ECM già prima dell’attività parlamentare.


«Già da docente universitario e da medico – spiega – ho sempre ritenuto che la formazione ECM sia un tema fondamentale per l’aggiornamento. Questo non solo nell’ambito della medicina, ma anche per garantire un continuo approfondimento sulle tematiche dell’attività assistenziale e non solo».

Fermamente convinto che «la dimensione dell’Ecm richieda un’apertura mentale ed un’organizzazione rigorosa e puntuale», il senatore Romano entra anche nel merito della recente proroga di sei mesi concessa dal ministero della Salute ai medici competenti per mettersi in regola con i crediti Ecm. Alla Camera, rispondendo all’interrogazione del deputato Federico Fauttilli (DES-CD), il ministro Beatrice Lorenzin ha di recente ribadito che «l’obbligo va rispettato», confermando che i medici depennati avranno comunque tempo fino a giugno per recuperare.

«Ho grandissime perplessità sulle sanatorie – afferma il senatore Romano – a meno che non ci sia realmente la possibilità di sanare con percorsi di Ecm per riguadagnare quell’aggiornamento doveroso nell’interesse dei pazienti. Ci sono stati troppi Ecm formali che sul profilo dei contenuti lasciano a desiderare. L’aggiornamento deve essere fatto in maniera rigorosa».

Completare l’aggiornamento ECM, obbligatorio per legge, resta fondamentale per evitare sanzioni o, ancora peggio, come accaduto ai medici competenti non in regola, perdere il lavoro. Per evitarlo i medici possono sfruttare la tecnologia ed in particolare la Formazione a distanza (FAD) via web, secondo gli ultimi dati in netta crescita. «Anche se l’attività didattica frontale ha il suo peso e la sua importanza, le nuove tecnologie possono, senza dubbio, facilitare l’aggiornamento. Ognuno, comunque, in ragione delle proprie possibilità, può giovarsi dei vari sistemi messi a disposizione per l’aggiornamento obbligatorio».

Articoli correlati
Nuovi LEA in Gazzetta, AAROI-EMAC: «La partoanalgesia rimane un diritto non esigibile»
L’AAROI-EMAC sottolinea senza mezzi termini quanto già manifestato più volte nel corso dell’iter legislativo compiuto dal DPCM, facendo presente che non è mai stato applicato quanto previsto dall’Accordo Stato-Regioni 2010, in base al quale, come ricordato dal DPCM, le Regioni, di concerto con il Ministero della Salute, avrebbero dovuto obbligatoriamente individuare i Punti Nascita ove […]
Ticket sanitari: è nell’aria una rivoluzione. Walter Ricciardi (ISS): «Misura regressiva che rema contro la prevenzione»
«Riconvocherò le Regioni per rivedere i ticket» lo ha detto il Ministro Lorenzin. Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità si scaglia contro le tasse regionali: «I ticket non possono servire a fare cassa, è ora di abolirli»
In Gazzetta Ufficiale i nuovi Lea. Quali sono le novità? Il Ministro risponde…
E’ stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 65 del 18 marzo 2017 il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) del 12 gennaio 2017 con i nuovi Livelli essenziali di assistenza – LEA (Supplemento ordinario n.15). Si tratta di un “passaggio storico per la Sanità italiana”, ha affermato il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin. […]
di Beatrice Lorenzin - Ministro della Salute
Antibiotico-resistenza, Ministro Lorenzin: «Combatterla coinvolgendo le associazioni e i pazienti»
Dopo che l’OMS ha reso note le 12 famiglie di batteri immuni agli antibiotici il Ministero della Salute lancia il monito: «Fronteggiare l’emergenza con un Piano nazionale che sarà pronto in primavera»
Papillomavirus (Hpv), quali sono gli ultimi dati sulle coperture vaccinali? Il Ministro risponde…
Il Ministero della Salute rende noti i dati, al 31 dicembre 2015, di copertura nazionali e regionali per la vaccinazione HPV nella popolazione femminile. Di seguito i punti principali: come per altri vaccini, i dati 2015 mostrano un leggero decremento nell’ultimo anno, visibile se si confrontano i dati delle rilevazioni 2014 della corte 2000 (1 […]
di Beatrice Lorenzin - Ministro della Salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

EX SPECIALIZZANDI – Accordo transattivo, Zanetti (Viceministro Economia): «Presto una soluzione»

Sempre più vicina la soluzione del lungo contenzioso tra Stato e camici bianchi sul rimborso degli anni di specializzazione. Brucia le tappe la discussione al Senato sul Ddl n°2400 che propone un ac...
Lavoro

Contratto dei medici: ecco le cifre e le date di un rinnovo in salita…

Dopo sette anni di stallo, è giunto il momento del rinnovo del contratto per medici e infermieri? È braccio di ferro tra sindacati e Governo sulle cifre
di Valentina Brazioli
Salute

È il fruttosio il killer dei nostri bambini. Nobili (Bambino Gesù): «Danni sul fegato. A 2 anni rischio obesità»

Uno studio dei ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù dimostra la correlazione tra consumo di alte quantità di fruttosio e sviluppo di malattie epatiche gravi. Valerio Nobili, specialis...