Formazione 6 dicembre 2016

ECM, camici bianchi in ritardo: ecco i rischi. De Franco (CoGeAPS): «Probabile stop concorsi e assunzioni»

Formazione professionale, scade il triennio e un’alta percentuale di medici non è in regola con gli obblighi formativi. Dal CoGeAPS il monito: «Per chi non è in regola ci saranno problemi per partecipare ai concorsi e per lavorare in strutture sanitarie accreditate»

Il 31 dicembre finisce il triennio formativo per la formazione obbligatoria dei medici. Tante le incertezze sulle inevitabili conseguenze per chi non ha rispettato gli obblighi formativi. A fare chiarezza il CoGeAPS che gestisce i crediti formativi di tutte le 30 professioni mediche. A spiegare nel dettaglio le conseguenze del mancato aggiornamento e le novità in arrivo per il nuovo triennio interviene Salvatore De Franco, Consigliere CoGeAPS e Direttore del Servizio Formazione.

Sta per terminare il triennio per la formazione medica, in cosa incorre chi non ha concluso la formazione obbligatoria?

«Le sanzioni sono quelle previste dai codici disciplinari, per il prossimo triennio rimane l’obbligo della formazione che però si svilupperà in un modo più flessibile, più organizzato e soprattutto più vicino alle esigenze del professionista. Quindi si passa da attività di tipo convegnistico a attività che vanno a maturare competenze e specifiche capacità dei singoli professionisti, quindi attraverso la formazione sul campo e a distanza. La cosa più importante è dare all’ECM un valore positivo, ovvero un sistema che offre al professionista la possibilità di prepararsi e quindi adeguarsi soprattutto alle nuove prestazioni sanitarie»

Nello specifico, cosa succederà dopo il 31 dicembre?

«Nel momento in cui gli organi competenti andranno a valutare un professionista, prenderanno in considerazione ovviamente anche il suo percorso formativo e di aggiornamento. Dunque non mi sento di escludere dei casi in cui, come già si sta facendo in alcuni concorsi, si chieda ai partecipanti la certificazione dell’assolvimento dei crediti ECM, stessa cosa per chi vuole andare a lavorare in strutture sanitarie accreditate e convenzionate. Dunque l’aggiornamento è importante non solo nell’esercizio della professione ma anche come “presentazione” del professionista. Torna quindi il concetto che già prima ho espresso: non conta un ECM svolto solo per paura della pena, ma un ECM che valorizzi, perché la formazione potenzia le conoscenze e rende il professionista più preparato. Parliamo di una qualifica ulteriore rispetto a quella di base, il professionista oggi non può pensare di non rivedere il suo patrimonio culturale, le innovazioni sono tante e occorre continuare a studiare».

Articoli correlati
Responsabilità professionale e formazione ECM: medici non aggiornati a rischio nei contenziosi (e pagano assicurazioni più salate)
La Legge Gelli sulla responsabilità medico-sanitaria ha compiuto il suo primo anno di vita e, in attesa degli ultimi decreti attuativi che ne chiuderanno definitivamente il perimetro, l’aggiornamento professionale è lo snodo centrale della normativa
Contratto medici, Coletto (Agenas): «Serve sforzo per rinnovo. Sistema sanitario italiano è quello che costa meno in Europa»
Il presidente dell’Agenzia per i Servizi sanitari Regionali chiarisce: «Gli accantonamenti da parte delle Regioni sono stati fatti, si tratta solo di definire le modalità». Poi sottolinea: «Preparazione dei medici italiani è tra le migliori»
Legge Gelli: identikit del medico a rischio contenzioso. Ortopedici e ginecologi nel mirino, i più prudenti sono maschi e del Nord
Gli attesi decreti attuativi in materia assicurativa chiuderanno il cerchio normativo della Legge Gelli. Intanto medici e strutture sanitarie “affrontano il risk” puntando sulla formazione. Paola Frati, professore ordinario di Medicina legale presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”: «Adeguata e continua formazione dei professionisti sanitari è snodo centrale della nuova legge»
Ge Healthcare Italia: riparte il Learning Center per formare i professionisti sanitari
GE Healthcare riapre le porte del suo Learning Center, un’accademia specializzata nell’utilizzo di tecnologie medicali d’avanguardia, con lezioni in aula e da remoto, per formare i professionisti sanitari di tutto il Paese. Dopo il grande successo del 2017 – durante il quale oltre 1.000 medici hanno preso parte alle attività formative – ripartono i corsi gratuiti di formazione […]
Quali sono le professioni destinatarie degli eventi inerenti le Pratiche e Medicine non convenzionali?
La Commissione nazionale per la formazione continua, nel corso della riunione del 26 ottobre u.s., ha approvato una delibera inerente le “Pratiche e Medicine non convenzionali”. Gli eventi formativi che riguardano pratiche e medicine non convenzionali, di cui alla vigente normativa, possono essere accreditati solo se prevedono nel programma contenuti tecnico-scientifici basati su prove di […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...