Formazione 8 marzo 2016

«Su obbligo ECM necessarie sanzioni»

Il senatore Liuzzi (CoR): «Formazione fondamentale, si deve intervenire su chi non è in regola»

Immagine articolo

Un obbligo senza sanzioni rischia di diventare inutile. Quindi, «ben vengano le sanzioni per i medici che non si adeguano all’obbligo formativo». Pietro Liuzzi, Senatore di CoR (Conservatori e Riformisti) ai microfoni di Sanità informazione si dice sicuro che la formazione continua in medicina svolga una duplice funzione: migliorare l’aspetto professionale del camice bianco e fornire ai cittadini un servizio migliore.


Affinché avvenga questo, però, è necessario dare nuovo senso al sistema ECM, attraverso una politica di sanzioni («assolutamente necessarie») e «una assunzione di responsabilità da parte degli OMCeO e dei singoli associati».

«La qualità della formazione è un aspetto dirimente. Farla soltanto per assolvere un dovere non ha senso: non produce effetti, e anzi è deleteria. Ritengo dunque che la formazione recepita come un qualcosa che è in grado di arricchire l’aspetto professionale di ognuno sia un vantaggio per i pazienti, per l’intera organizzazione sanitaria e per la società. Occorre assolutamente lavorare in questo senso. È necessario che il governo metta gli operatori sanitari nelle condizioni di ottenere i crediti necessari per assolvere l’obbligo. Le scuole di formazione sono importanti: devono essere accreditate, dotate di quelle risorse umane in grado di trasferire competenze e sapere. Sono anche dell’opinione che sul livello territoriale i medici e tutti i professionisti sanitari abbiano il dovere di essere sempre aggiornati. Ne vale la pena: non soltanto per loro, ma anche e soprattutto per l’intera società, che è composta dai veri beneficiari finali di questa formazione, ovvero i cittadini».

La formazione ECM come attenzione verso i pazienti. In questo senso potrebbe essere il caso di prevedere un sistema di sanzioni per chi non si mette in regola.
«Sì, le sanzioni sono necessarie. Occorre assolutamente dare un senso a quello che, alla fine, è un obbligo. E se un obbligo non prevede sanzioni è un obbligo vago, che non mette nessuno nelle condizioni di comprendere, di fare ricorso alla propria responsabilità. Per questo, ben vengano le sanzioni, ben venga un’assunzione di responsabilità da parte degli ordini e da parte dei singoli associati».

Anche perché oggi il medico, con l’avvento delle nuove tecnologie, ha a disposizione tanti mezzi per completare la sua formazione. Si pensi ad esempio alla Formazione a Distanza e a quella via web che taglia spazi e tempi, permettendo a chiunque di formarsi in maniera estremamente precisa e qualitativamente importante con i provider migliori.
«Certo, non è detto che la formazione migliore, al giorno d’oggi, sia quella “classica”, ovvero quella cosiddetta frontale. Ci sono le nuove tecnologie della comunicazione che vanno usate, vanno messe in campo. Penso che la via del web e, ovviamente, della Fad, possa sopperire a questa carenza e dare le giuste opportunità ai medici per potersi mettere in regola con l’obbligo».

Articoli correlati
Raggi a Lorenzin: «A scuola anche i bimbi non vaccinati»
Rispettare la continuità didattica ed educativa. Con questa motivazione, l’assemblea capitolina ha approvato nei giorni scorsi la mozione con cui la sindaca Virginia Raggi propone di far restare a scuola i bambini da 0 a 6 anni iscritti all’asilo nido e alla scuola dell’infanzia regolarmente ma non ancora vaccinati. Immediata la risposta contraria della ministra della salute Beatrice Lorenzin […]
Come ti curo il malato virtuale. La svolta della formazione ECM e la valutazione delle competenze mediche
É una due giorni interamente dedicata alla formazione e alla valutazione delle competenze cliniche dei medici quella organizzata a Roma, al Ministero della Salute, dalla Fadoi (Federazione delle Associazioni dei Dirigenti Ospedalieri Internisti), con la collaborazione di Fism, ISS e SDA Bocconi
Ecm, ecco i dati Cogeaps 2014-16: il 54% in regola ma con proroga dati in forte aumento
«Rispetto al triennio 2011-2013, si aggiorna il 20% dei medici in più» a dichiararlo Sergio Bovenga, Segretario della Federazione degli Ordini dei Medici
Bovenga (FNOMCeO): «Con la proroga ECM sono rimasti pochissimi i medici che non si aggiornano»
Il Segretario FNOMCeO: «Situazione formazione in netto miglioramento. Importante ruolo FAD, ormai gran parte della nostra vita si svolge sul web. Ecco le novità per il 2018: in arrivo il Manuale del Professionista e Dossier Formativo»
«Formazione vuol dire futuro». L’intervista a Danilo Mazzacane, Presidente Collegio Revisori OMCeO Milano
«Il nostro Sistema è stato sempre lodato, ma possiamo ulteriormente migliorare e divenire un punto di riferimento anche per gli altri Paesi», così ai nostri microfoni il Segretario Cisl Medici Lombardia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...