Formazione 8 marzo 2016

«Su obbligo ECM necessarie sanzioni»

Il senatore Liuzzi (CoR): «Formazione fondamentale, si deve intervenire su chi non è in regola»

Immagine articolo

Un obbligo senza sanzioni rischia di diventare inutile. Quindi, «ben vengano le sanzioni per i medici che non si adeguano all’obbligo formativo». Pietro Liuzzi, Senatore di CoR (Conservatori e Riformisti) ai microfoni di Sanità informazione si dice sicuro che la formazione continua in medicina svolga una duplice funzione: migliorare l’aspetto professionale del camice bianco e fornire ai cittadini un servizio migliore.


Affinché avvenga questo, però, è necessario dare nuovo senso al sistema ECM, attraverso una politica di sanzioni («assolutamente necessarie») e «una assunzione di responsabilità da parte degli OMCeO e dei singoli associati».

«La qualità della formazione è un aspetto dirimente. Farla soltanto per assolvere un dovere non ha senso: non produce effetti, e anzi è deleteria. Ritengo dunque che la formazione recepita come un qualcosa che è in grado di arricchire l’aspetto professionale di ognuno sia un vantaggio per i pazienti, per l’intera organizzazione sanitaria e per la società. Occorre assolutamente lavorare in questo senso. È necessario che il governo metta gli operatori sanitari nelle condizioni di ottenere i crediti necessari per assolvere l’obbligo. Le scuole di formazione sono importanti: devono essere accreditate, dotate di quelle risorse umane in grado di trasferire competenze e sapere. Sono anche dell’opinione che sul livello territoriale i medici e tutti i professionisti sanitari abbiano il dovere di essere sempre aggiornati. Ne vale la pena: non soltanto per loro, ma anche e soprattutto per l’intera società, che è composta dai veri beneficiari finali di questa formazione, ovvero i cittadini».

La formazione ECM come attenzione verso i pazienti. In questo senso potrebbe essere il caso di prevedere un sistema di sanzioni per chi non si mette in regola.
«Sì, le sanzioni sono necessarie. Occorre assolutamente dare un senso a quello che, alla fine, è un obbligo. E se un obbligo non prevede sanzioni è un obbligo vago, che non mette nessuno nelle condizioni di comprendere, di fare ricorso alla propria responsabilità. Per questo, ben vengano le sanzioni, ben venga un’assunzione di responsabilità da parte degli ordini e da parte dei singoli associati».

Anche perché oggi il medico, con l’avvento delle nuove tecnologie, ha a disposizione tanti mezzi per completare la sua formazione. Si pensi ad esempio alla Formazione a Distanza e a quella via web che taglia spazi e tempi, permettendo a chiunque di formarsi in maniera estremamente precisa e qualitativamente importante con i provider migliori.
«Certo, non è detto che la formazione migliore, al giorno d’oggi, sia quella “classica”, ovvero quella cosiddetta frontale. Ci sono le nuove tecnologie della comunicazione che vanno usate, vanno messe in campo. Penso che la via del web e, ovviamente, della Fad, possa sopperire a questa carenza e dare le giuste opportunità ai medici per potersi mettere in regola con l’obbligo».

Articoli correlati
Bambini disabili: lo sport giusto fa bene. Ma lo deve prescrivere il medico: dal tennis al nuoto, ecco i consigli
L’attività fisica è un elemento fondamentale nella crescita ed evoluzione psicofisica dei giovani. Bambini e adolescenti affetti da malattie croniche e disabilità non devono fare eccezione. I consigli dello specialista esperto per la scelta delle attività più indicate nelle differenti situazioni patologiche
Formazione ECM, Bovenga (Segretario FNOMCeO): «Requisito indispensabile per professione»
Il Segretario FNOMCeO ritorna su un argomento fondamentale per tutta la categoria: l'aggiornamento professionale. L'articolo 16 quater della Legge 502 del 1992 impone formazione a tutti gli operatori sanitari e per le strutture private con dipendenti non in regola c'è la sospensione dell'accreditamento
ECM, proroga in scadenza. Bovenga: «Premiare medici che investono in formazione»
Il Segretario FNOMCeO: «Sempre più frequenti le situazioni nelle quali i percorsi formativi dei professionisti vengono presi in considerazione nei procedimenti giudiziari ed addirittura nelle polizze assicurative. Non è questo l’aspetto che più mi appassiona, ma chi lo ignora rischia di venirne travolto»
ECM e medici del lavoro, cosa dice la normativa?
E’ il Decreto 81/2008 che fissa il limite minimo del 70% dell’obbligo formativo nella disciplina “Sicurezza nei luoghi di lavoro”. Pertanto, se ad esempio l’obbligo formativo standard è di 150 crediti nel triennio, il Decreto 81 impone ai medici del lavoro di conseguire almeno 105 crediti (pari al 70%) nella disciplina “Sicurezza nei luoghi di […]
Cos’è il dossier formativo?
Sempre sul sito COGEAPS (www.cogeaps.it ) ogni medico può volontariamente attivare il proprio Dossier Formativo, cioè dichiarare gli obiettivi formativi che si prefigge di raggiungere, che poi andrà riscontrato con gli eventi effettivamente frequentati. Al termine del periodo di osservazione, sarà quindi possibile verificare da un lato i fabbisogni formativi attesi e dall’altro la formazione effettivamente […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ESCLUSIVA ǀ Scuole di specializzazione in medicina: «Ecco il perché delle bocciature»

Intervista a Roberto Vettor, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Formazione Medica Specialistica
Lavoro

ESCLUSIVA | Oliveti, Enpam: la grande sfida della Sanità italiana, diventare motore di sviluppo e ripresa

Cumulo contributivo, c’è la copertura finanziaria. Ma attendiamo esplicazione del Governo. Numero chiuso, università, sviluppo e ripresa, cure territoriali, welfare e patto generazionale: tutto q...
Formazione

Test medicina: proteste davanti atenei. Ben 124 i posti in meno rispetto al 2016, arriva interrogazione parlamentare

Anche quest’anno al via i test d’ingresso per le facoltà a numero chiuso. Ad aprire le danze Medicina e odontoiatria con 67mila domande d’iscrizione e 124 posti in meno rispetto al 2016. Intant...