Formazione 31 marzo 2014

Ecm e Formazione, provider al banco di prova con il nuovo “controllo qualità”

Tra le novità predisposte dall’Age.na.s. il piano nazionale esiti e le verifiche sugli eventi formativi

Immagine articolo

L’Age.na.s. è in pieno restyling:  veste grafica rinnovata al sito, la pubblicazione sul portale dei risultati di valutazione degli esiti, le nuove procedure di accreditamento ECM sono solo alcune delle novità predisposte dall’ente. La più significativa, però, è sicuramente quella che istituisce ulteriori verifiche sull’apprendimento.

L’acquisizione dei crediti da Educazione Continua in Medicina (ECM), infatti, da oggi sarà sottoposta a verifiche più stringenti, almeno per quanto riguarda quelli ottenuti attraverso la formazione residenziale. Data l’importanza dell’aggiornamento effettivo, e non meramente formale, richiesto al professionista, sono già partiti controlli a tappeto da parte di valutatori a livello nazionale, i quali presenziano agli eventi per valutarne la rispondenza ai parametri. Altri 80 ispettori sono in procinto di essere dislocati nelle sedi dei corsi residenziali per verificare, attraverso una check list, se le condizioni dichiarate nei progetti di formazione sono davvero realizzate nel corso, attraverso il controllo dei partecipanti, l’identità dei docenti, la corrispondenza tra i contenuti annunciati e quelli presentati. Altre criticità sono rappresentate dalla registrazione di entrata e uscita, dalla compilazione dei questionari di gradimento, dal rischio che l’evento si riduca ad una “assemblea collettiva” perdendone di vista il fine. Inoltre, per garantire la veridicità dell’indagine, i provider, da oggi, non saranno preventivamente avvisati dei blitz. Un meccanismo non certamente punitivo, piuttosto migliorativo, con l’obiettivo di spingere l’Italia verso un vero sistema di valutazione.

Uno dei requisiti essenziali di un provider affidabile, infatti, è la capacità di fornire al professionista strumenti concreti di apprendimento e aggiornamento, sia attraverso l’organizzazione di eventi residenziali che attraverso l’erogazione di corsi di Formazione a Distanza, in grado di garantire un’offerta formativa di massimo livello. Di conseguenza l’esigenza quindi è quella di rivolgersi alle migliori piattaforme riconosciute dal web. E proprio in questo senso nei prossimi numeri proporremo un’indagine comparativa sui provider accreditati Age.na.s. presenti sulla rete.

Articoli correlati
OMCeO, Panti (Firenze) lascia e si sfoga: «La politica ha smesso di ascoltare i medici. Ritroviamo la nostra voce…»
«Giovani medici e futuro del SSN. Ritrovare l'unità dei medici». Intervista al Presidente uscente dell'OMCeO Firenze a margine del XXXI Congresso Nazionale CIMO. Elezioni dell'Ordine 19-21 novembre: in corsa Piero Tosi, Teresita Mazzei e Pasquale Morano
Formazione ECM, Chiriatti (FIMMG Roma): «Scadenza si avvicina, FAD soluzione utile e semplice per ottemperare obbligo»
Il Vicesegretario Provinciale Vicario della Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale parla ai nostri microfoni dell’imminente fine della proroga: «Abbiamo visto tutti cosa è successo ai medici competenti. Spero non si ripeta un caso simile»
Robot in corsia: il Careggi già in pista. La tecnologia ruberà lavoro ai medici? L’intervista al Direttore dell’AOU di Firenze
Sempre più ospedali tecnologicamente virtuosi si dotano di macchinari all’avanguardia che sostituiscono l’operato dell’uomo. Saranno spazzati via milioni di posti di lavoro? La risposta di Monica Calamai, Direttore Generale dell’Ospedale Careggi di Firenze...
Congresso CIMO a Firenze, il sondaggio tra i medici: «Basta burocrazia, #Liberalaprofessione»
Tra scienza medica e medicina amministrata, una sanità in costante evoluzione tecnologica ma in crisi di valori e di risorse. Questo lo spunto per l’assise del sindacato degli ospedalieri dal 21 al 24 settembre che eleggerà al Gran Hotel Mediterraneo a Firenze anche il nuovo Presidente
Anelli (Omceo Bari): «Per ECM servono qualità, indipendenza e innovazione. Puntare su casi simulati e nuove tecnologie»
Sergio Bovenga (FNOMCeO): «Sempre più il sistema giudiziario e delle assicurazioni porranno la loro attenzione sullo stato di aggiornamento dei professionista eventualmente coinvolto in un contenzioso professionale e farsi trovare impreparati, ovvero non in regola con le norme Ecm, non aiuterà di certo". Un motivo in più per fare formazione e tenersi sempre aggiornati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Ex specializzandi, emendamento al Bilancio. Aiello (Ap): «Sbloccare transazione entro fine anno»

«Se andasse a buon fine la questione ex specializzandi si potrebbe sbloccare il turnover e finanziare le scuole di specializzazione» così il Senatore nell’intervista esclusiva a Sanità Informazi...
Salute

Fabrizio Frizzi: «Sulla salute non si scherza, ecco perché voglio medici aggiornati e voglio sapere tutto…»

Il popolare conduttore ai microfoni di Sanità Informazione parla del suo rapporto con la salute ed i camici bianchi: «Non sono ipocondriaco, ma sto attento ai segnali». Il racconto di quando donò ...
Lavoro

Cumulo contributivo, la carica dei 130mila. Oliveti: «Siamo pronti ma non è giusto che sia l’Inps a pagare i medici…»

«Il cumulo è diritto di civiltà, ma l’Enpam già prevedeva totalizzazione interna gratuita». A Sanità Informazione, il commento del Presidente della Cassa previdenziale dei medici Alberto Olive...