Formazione 31 marzo 2014

Ecm e Formazione, provider al banco di prova con il nuovo “controllo qualità”

Tra le novità predisposte dall’Age.na.s. il piano nazionale esiti e le verifiche sugli eventi formativi

Immagine articolo

L’Age.na.s. è in pieno restyling:  veste grafica rinnovata al sito, la pubblicazione sul portale dei risultati di valutazione degli esiti, le nuove procedure di accreditamento ECM sono solo alcune delle novità predisposte dall’ente. La più significativa, però, è sicuramente quella che istituisce ulteriori verifiche sull’apprendimento.

L’acquisizione dei crediti da Educazione Continua in Medicina (ECM), infatti, da oggi sarà sottoposta a verifiche più stringenti, almeno per quanto riguarda quelli ottenuti attraverso la formazione residenziale. Data l’importanza dell’aggiornamento effettivo, e non meramente formale, richiesto al professionista, sono già partiti controlli a tappeto da parte di valutatori a livello nazionale, i quali presenziano agli eventi per valutarne la rispondenza ai parametri. Altri 80 ispettori sono in procinto di essere dislocati nelle sedi dei corsi residenziali per verificare, attraverso una check list, se le condizioni dichiarate nei progetti di formazione sono davvero realizzate nel corso, attraverso il controllo dei partecipanti, l’identità dei docenti, la corrispondenza tra i contenuti annunciati e quelli presentati. Altre criticità sono rappresentate dalla registrazione di entrata e uscita, dalla compilazione dei questionari di gradimento, dal rischio che l’evento si riduca ad una “assemblea collettiva” perdendone di vista il fine. Inoltre, per garantire la veridicità dell’indagine, i provider, da oggi, non saranno preventivamente avvisati dei blitz. Un meccanismo non certamente punitivo, piuttosto migliorativo, con l’obiettivo di spingere l’Italia verso un vero sistema di valutazione.

Uno dei requisiti essenziali di un provider affidabile, infatti, è la capacità di fornire al professionista strumenti concreti di apprendimento e aggiornamento, sia attraverso l’organizzazione di eventi residenziali che attraverso l’erogazione di corsi di Formazione a Distanza, in grado di garantire un’offerta formativa di massimo livello. Di conseguenza l’esigenza quindi è quella di rivolgersi alle migliori piattaforme riconosciute dal web. E proprio in questo senso nei prossimi numeri proporremo un’indagine comparativa sui provider accreditati Age.na.s. presenti sulla rete.

Articoli correlati
Tumori femminili, la rivoluzione dei test genetici. L’incontro al Fatebenefratelli
Pochi sanno che per prevenire i tumori femminili, e quindi intervenire precocemente, può bastare un semplice test genetico. Il 14% dei tumori alla mammella e il 10% dei tumori ovarici sono, infatti, ereditari, causati dalla mutazione dei geni BRCA1 e BRCA2. Di questo si parlerà lunedì 25 giugno (alle ore 16.30 nella Sala Assunta del […]
MMG in formazione: «Voglio essere il medico di tutti, ma manca un Erasmus in camice bianco»
Dai motivi che li hanno spinti verso questa strada alle prospettive future, Francesca Tomei, Rocco Santarone e Marco Lombardi raccontano a Sanità Informazione cosa significa essere un medico in formazione specifica in medicina generale. E non risparmiano critiche ad un corso che potrebbe migliorare sotto diversi punti di vista…
Matricola e laureanda a confronto: sogni e incubi dello studente di medicina | GUARDA L’INTERVISTA DOPPIA
Come cambia la concezione della facoltà negli anni? Le paure e le speranze degli studenti del primo anno e di quelli dell’ultimo sono le stesse? Lo abbiamo chiesto direttamente a loro
Vuoi studiare medicina? Inizia dal liceo. Il 98% degli studenti dell’indirizzo biomedico supera il test d’ingresso
L'indirizzo, ideato dal liceo Leonardo Da Vinci di Reggio Calabria, da settembre sarà replicato in cento licei scientifici e classici. Delle 150 ore del triennio dedicate alla formazione biomedica, 60 sono gestite da medici. Ce ne ha parlato la dirigente scolastica del liceo capofila Giuseppina Princi
Zanzara tigre, Alessio d’Amato (Regione Lazio): «Una task force per una prevenzione in rete»
«I casi di Chikungunya verificatisi l’anno scorso hanno evidenziato l’importanza della prevenzione e del controllo dell’insetto che trasmette questa malattia: la  zanzare tigre». Lo ha dichiarato l’Assessore alla Sanità e Integrazione Socio-sanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato, presentando il tavolo di esperti del settore che ha come obiettivo quello di creare una task force per rafforzare […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, t...
Politica

Corruzione in sanità, Sileri (M5S): «Toglie risorse a pazienti, combatterla sarà priorità del governo Conte»

«La lotta alla corruzione fa parte del contratto di governo. Io come medico vivo la corruzione in sanità che mangia gran parte del fabbisogno destinato ad i pazienti» così il chirurgo e senatore d...
Salute

Contratto medici, Quici (CIMO): «Aran ci propone copia e incolla del comparto sanità. Ma noi non firmeremo testi peggiorativi»

Il Presidente del sindacato si dice ‘arrabbiato’ per l’andamento delle trattative sul rinnovo contrattuale. E spiega: «Lo Stato ha incluso le risorse nel Fondo sanitario nazionale mentre le reg...