Formazione 19 settembre 2017

Congresso CIMO a Firenze, il sondaggio tra i medici: «Basta burocrazia, #Liberalaprofessione»

Tra scienza medica e medicina amministrata, una sanità in costante evoluzione tecnologica ma in crisi di valori e di risorse. Questo lo spunto per l’assise del sindacato degli ospedalieri dal 21 al 24 settembre che eleggerà al Gran Hotel Mediterraneo a Firenze anche il nuovo Presidente

I medici vogliono fare i medici: su questo non c’è dubbio e a confermarlo un sondaggio curato da Cimo che ha interpellato 3.313 medici dipendenti che hanno risposto a 10 domande sul sentimento di appartenenza alla categoria. Ecco le risposte più rilevanti:

  • Alla domanda ‘Quanto la burocrazia vincola l’esercizio della professione?‘, l’80% degli intervistati risponde che la burocrazia rappresenta un ostacolo vero e proprio e talvolta insormontabile per gestire nel migliore dei modi l’attività;
  • Alla domanda ‘Lo stato giuridico del medico è soddisfacente?‘ il 93% dei camici bianchi ammette di essere insoddisfatto dell’attuale stato giuridico che mal rappresenta la professione ed il 70% si pone sulla difensiva sia nel rapporto con i pazienti che in quello con la direzione amministrativa con la quale ha spesso contrasti;
  • Alla domanda ‘Cambieresti professione?‘ tuttavia solo il 15% risponde affermativamente. Tutti gli altri, sceglierebbero ancora di fare i medici.

Questo è ciò che emerge dal sondaggio che sarà argomento di discussione in occasione del XXXI Congresso elettivo in cui si voterà per l’elezione del nuovo Presidente Nazionale che subentrerà all’uscente Riccardo Cassi.

CONSULTA QUI IL PROGRAMMA COMPLETO

«Abbiamo voluto chiedere ai nostri colleghi dipendenti del Ssn cosa pensano del loro lavoro – ha spiegato Cassi -. Dai risultati emerge una categoria che vuole essere riconosciuta per la propria professionalità, che chiede con forza un’autonomia giuridica e contrattuale e riconosce come interlocutore privilegiato, tra le istituzioni, il Ministero della Salute».

Inoltre, dall’indagine emerge anche una forte preoccupazione per l’attuale contesto socio economico: il 61,4% immagina perfino un’involuzione della professione. La soluzione proposta dai camici bianchi intervistati è quella di avere come interlocutore privilegiato il Ministero della Salute (68,7%) ed avere un’area contrattuale autonoma, richiesta dal 90% di quelli che hanno risposto al questionario.

«Questi dati confortano l’azione che CIMO ha seguito in questi anni nei riguardi della professione medica – commenta ancora il Presidente uscente –, azione che sarà rilanciata dalla dirigenza che uscirà dal congresso elettivo dei prossimi giorni e che porterà ad una nuova presidenza del sindacato. La battaglia in difesa della professione e nel riconoscimento di uno stato giuridico che metta l’atto medico al centro delle cure, è nel Dna di Cimo. I medici scelgono questa professione per curare le persone e, nonostante la demotivazione derivante dalle riforme fallimentari degli anni 90, il 70% dei medici intervistati sceglierebbe ancora questa professione. È compito del sindacato ricreare le condizioni perché possano farlo nelle migliori condizioni possibili» conclude.

Tanti i seminari e i meeting incentrati sugli argomenti inerenti la professione medica al congresso di Firenze: alla conferenza Formazione, sistema di valutazione e carriera professionale del medico dipendente del SSN parteciperanno, tra gli altri, Valerio Alberti, Direttore Generale ASL Città di Torino, Renzo Alessi, Direttore Amministrativo CRO Aviano, Rossana Ugenti, Direttore Generale delle professioni sanitarie e delle risorse umane del SSN del Ministero della Salute. Interessante anche il confronto su Welfare e Sanità, quale futuro per il SSN, incontro a cui interverranno, tra tutti, Sergio Bovenga, Segretario Generale FNOMCeO, e l’Onorevole Federico Gelli, Responsabile Sanità del Partito Democratico. Disponibile anche il Corso di Formazione ECM per i delegati: Patto per la salute, Lea e standard ospedalieri: la centralità del medico a garanzia dei bisogni di salute dei cittadini.

 

Articoli correlati
Clownterapia, Andrea Tudisco Onlus: perché una casa e un sorriso sono come una medicina
I Clown Dottori della Onlus Andrea Tudisco operano nei reparti pediatrici e specialistici degli ospedali romani. Il loro compito? Sdrammatizzare le pratiche sanitarie e trasformare paura, rabbia e tristezza in fiducia e speranza
Carenza medici in GB: dopo la Brexit la formazione potrebbe essere più breve
Le regole europee impongono agli aspiranti medici un percorso formativo di almeno cinque anni. Una volta che la Gran Bretagna se ne sarà liberata con la Brexit, potrà decidere di accorciare il periodo di formazione necessario per poter esercitare la professione. Sarebbe questa, secondo quanto riportato dal Telegraph, una delle possibili soluzioni cui il Regno […]
Reggio Calabria, fratture fasciate con cartone. Ministro Grillo: «Ingiustificabili carenze organizzative»
La reazione dell’Anaao Assomed: «Come in un ospedale da campo in tempo di guerra. È il simbolo dell’Italia in cui il risparmio è elevato a sistema e l'arte di arrangiarsi a pratica terapeutica». CIMO: «Cattiva organizzazione e tagli sono i veri responsabili»
Sapienza, la formazione universitaria cambia passo ed entra nel futuro. Rettore Gaudio: «Cambiamento epocale per i nostri medici»
Tre laboratori ad alta tecnologia per simulare pratiche mediche in situazioni di crisi o emergenza e la Biblioteca automatizzata di Architettura. Questi gli interventi di potenziamento della didattica realizzati alla Sapienza grazie al sostegno della Fondazione Roma
Osservatorio Ois, Bartolo: «Migranti e poveri, tanti progetti in cantiere. Il Papa ci segue passo passo»
Il medico, membro del direttivo della onlus, spiega i progetti futuri: «Saremo vicini agli ultimi, ai più deboli». Tra i progetti realizzati “Il Giardino” a Palermo, che coinvolge 60 bambini e 30 ragazzi, pensato per ridurre la povertà educativa dei minori coinvolti attraverso sport, arte e musica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Lavoro

Tasse e contributi, come non sbagliare la dichiarazione. La guida completa alla compilazione del Modello D

Entro il 31 luglio i camici bianchi che hanno svolto attività libero professionale nel 2017 devono compilare nell’area riservata Enpam il Modello D. Ecco come scegliere le aliquote, come calcolare ...