Formazione 10 marzo 2014

Con il Dossier formativo l’ECM porta il Ssn in Europa

Il ministro Lorenzin pronto a presentare il progetto in Senato: riguarderà circa un milione di professionisti

Immagine articolo

Il progetto Ecm si prepara a superare uno step tanto importante quanto delicato. Il ministro alla Salute Beatrice Lorenzin sta infatti per presentare in Senato il “Dossier formativo” che, unito alla riforma degli ordini professionali, rappresenteranno le due grandi novità ma anche le vere e proprie sfide, per circa un milione di operatori della Sanità.

Per il momento si tratta di due questioni separate ma, nei programmi del Ministro, c’è la volontà di farle muovere in sinergia. Ordini, Collegi e Associazioni saranno infatti coinvolti nella certificazione e nell’attestazione dei crediti ECM. Proprio in questa ottica avrà un ruolo strategico il “Dossier formativo”. Tutti i professionisti si ritroveranno in una grande banca dati delle professioni sanitarie, gestita dal CoGeaps, il consorzio di gestione dell’anagrafe delle professioni sanitarie.

L’Educazione Continua in Medicina (ECM) ha già permesso di valorizzare il percorso formativo dei camici bianchi che, con i progressi della tecnologia, grazie soprattutto alla formazione a distanza, hanno trovato la strada in discesa per il raggiungimento dei crediti obbligatori. Provider come Sanità-In Formazione – accreditato A.Ge.Nas. – la piattaforma con il maggior numero di corsi in Italia, offre la possibilità di soddisfare il “fabbisogno triennale” di crediti con semplicità e facilità di fruizione. Il passaggio successivo sarà appunto il Dossier formativo. Si tratta di uno strumento dinamico che accompagnerà i professionisti  in tutta la loro carriera, permetterà di verificare i loro aggiornamenti e consentirà al nostro Paese di cominciare ad adeguarsi alla direttiva europea che, entro il 2016, permetterà la libera circolazione dei professionisti anche sanitari.

“Il Dossier formativo rappresenta un’innovazione – ha dichiarato il presidente del Conaps (Coordinamento Nazionale Professioni Sanitarie), Antonio Bortone – perché prevede la stesura oggettiva di un curriculum professionale; risponde a un processo di sistematizzazione dell’educazione continua in medicina e permette a chi lo consulta di avere un’immagine reale, concreta e facilmente intellegibile del percorso formativo e delle competenze di un professionista”.

Articoli correlati
Contratto medici, Coletto (Agenas): «Serve sforzo per rinnovo. Sistema sanitario italiano è quello che costa meno in Europa»
Il presidente dell’Agenzia per i Servizi sanitari Regionali chiarisce: «Gli accantonamenti da parte delle Regioni sono stati fatti, si tratta solo di definire le modalità». Poi sottolinea: «Preparazione dei medici italiani è tra le migliori»
Bergamo, parte il master per formare i futuri manager del settore sanitario
L’Università degli Studi di Bergamo e il Gruppo ospedaliero San Donato hanno inaugurato il Master di I livello in Management delle Aziende Ospedaliere. La nuova offerta formativa post lauream è pensata per i futuri manager del settore sanitario. L’inaugurazione è stata aperta dall’intervento del professor Remo Morzenti Pellegrini, Rettore dell’Università degli Studi di Bergamo, seguito […]
Legge Gelli: identikit del medico a rischio contenzioso. Ortopedici e ginecologi nel mirino, i più prudenti sono maschi e del Nord
Gli attesi decreti attuativi in materia assicurativa chiuderanno il cerchio normativo della Legge Gelli. Intanto medici e strutture sanitarie “affrontano il risk” puntando sulla formazione. Paola Frati, professore ordinario di Medicina legale presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”: «Adeguata e continua formazione dei professionisti sanitari è snodo centrale della nuova legge»
Ge Healthcare Italia: riparte il Learning Center per formare i professionisti sanitari
GE Healthcare riapre le porte del suo Learning Center, un’accademia specializzata nell’utilizzo di tecnologie medicali d’avanguardia, con lezioni in aula e da remoto, per formare i professionisti sanitari di tutto il Paese. Dopo il grande successo del 2017 – durante il quale oltre 1.000 medici hanno preso parte alle attività formative – ripartono i corsi gratuiti di formazione […]
Retribuzione, Irpef, contributi e assicurazione: ecco quanto perdono gli MMG in formazione. E scattano i ricorsi
La mappa delle disparità di trattamento che gli MMG subiscono da 25 anni nella specializzazione. Scattata un'azione legale collettiva per ottenere rimborsi fino a 150mila euro
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Nuovi LEA, assistenza psicologica diventa diritto. Lazzari (CNOP): «Svolta per professione e cittadini»

«Grazie ai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, il supporto psicologico sarà garantito». Con Davide Lazzari, coordinatore della Task Force sui LEA, istituita dall’Ordine degli Psicologi, riper...
di Isabella Faggiano
Lavoro

«È il Far West», lo sfogo di una giovane dottoressa “sequestrata” durante una visita

«Mi ha tenuta segregata per due ore brandendo un paio di forbici» la testimonianza di Valentina Nava, medico tirocinante di Pronto Soccorso
Salute

Carenza medici, Anaao: «35mila specialisti via nei prossimi cinque anni». Biasci (FIMP): «Pediatri a rischio, servono risorse e strutture»

Studio rivela: dai cardiologi ai ginecologi, dieci specializzazioni a rischio estinzione. Palermo: «Aumentare le borse di studio o far accedere i giovani medici al Ssn dopo la laurea». Il Presidente...
di Giovanni Cedrone e Serena Santi