Contributi e Opinioni 20 luglio 2017

Tbc, Codecasa: malattia in calo ma restano centinaia di casi non diagnosticati

Un punto di screening e cura preventiva della Tbc nei grandi centri di accoglienza e smistamento dei migranti in Italia, anche sotto forma di clinica mobile. A lanciare la proposta è Luigi Ruffo Codecasa dell’Istituto Villa Marelli‐ospedale Niguarda di Milano, responsabile del Centro regionale di riferimento per la tubercolosi in Lombardia, nel corso del congresso nazionale AIPO […]

Un punto di screening e cura preventiva della Tbc nei grandi centri di accoglienza e smistamento dei migranti in Italia, anche sotto forma di clinica mobile. A lanciare la proposta è Luigi Ruffo Codecasa dell’Istituto Villa Marelli‐ospedale Niguarda di Milano, responsabile del Centro regionale di riferimento per la tubercolosi in Lombardia, nel corso del congresso nazionale AIPO (Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri) a Bologna. La tbc in Italia “è sostanzialmente in calo, anche se lentamente‐ spiega Codecasa, parlando alla Dire a margine del congresso‐ ed è una malattia ormai rara”. Sono circa 4.000 i nuovi casi di tubercolosi all’anno, ma “ci sono sacche di sotto notifica importante”. Ovvero, segnala l’esperto, “qualche centinaio di casi non individuati per insufficienza delle diagnosi”. Non tutti coloro che sono infetti, del resto, sviluppano poi la malattia. Non individuarli, però, significa permettere che il batterio si diffonda.

“Uno dei motivi di preoccupazione‐ spiega Codecasa‐ è rappresentato dall’inadeguatezza del Paese ad affrontare in maniera organica alcune problematiche, come quella dei rifugiati”. Il timore deriva dal fatto che “non c’è omogeneità di intervento a livello nazionale”. Tra i migranti che sbarcano sulle coste italiane, sottolinea il medico, “non sono tantissimi” quelli che arrivano presentando già i sintomi della malattia, venendo subito presi in carico. Ma, avverte Codecasa, “servirebbe più attenzione sulla diagnostica“, in particolare quando i migranti vengono “sistemati nei centri di prima accoglienza.

In Emilia‐Romagna il sistema funziona perchè tutti transitano dall’hub, dove viene effettuato lo screening‐ spiega il medico‐ in altre realtà, invece, come a Milano, la congestione degli arrivi è talmente elevata che spesso la prima accoglienza viene bypassata, con l’invio dei profughi in altre strutture”. Questo, dal punto di vista sanitario, crea il problema di dover “organizzare lo screening per tutti”, con un conseguente allungamento dei tempi, visto che dopo il test iniziale di Mantoux, se positivo, la diagnostica successiva viene fatta in laboratorio. “Io riesco a fare al massimo 10 persone al giorno‐ fa l’esempio Codecasa‐ se ne sono arrivate 200, ci impiegherò almeno 20 giorni”.

E così accade non di rado che i richiedenti asilo “ottengano lo status e si spostino in altri Paesi prima di aver effettuato le cure preventive”. La soluzione, secondo Codecasa, è dunque creare “nei grandi centri di accoglienza e smistamento una sorta di ‘Tbc stop point’, anche sotto forma di clinica mobile”, dove riuscire completare la diagnosi e fare la cura preventiva in tempi rapidi e soprattutto nello stesso luogo. Dal punto di vista della prevenzione, invece, si sta ancora studiando un nuovo vaccino per la Tbc, in sostituzione di quello inventato 100 anni fa che non garantisce la copertura totale. “Va dal 30 all’80% e dopo 10 anni decade”, spiega Codecasa, tant’è vero che molti di coloro che si ammalano “sono già stati vaccinati”. Ad oggi però la ricerca scientifica “continua a sbattere contro un muro.

Anche di recente si sono registrati alcuni fallimenti‐ afferma il medico‐ perchè il batterio della Tbc è più complesso degli altri e non si riesce ancora a trovare l’equilibrio tra l’efficacia e la tossicità del vaccino.

Fonte: Agenzia DIRE
Ufficio Stampa AIPO

Articoli correlati
Amsterdam International Aids Conference 2018: “Rompere le barriere, costruire ponti”
La 22° Conferenza internazionale sull’Aids si terrà ad Amsterdam dal 23 al 27 luglio. Anche l’Osservatorio AiDS – Aids Diritti Salute parteciperà ai lavori insieme alle reti internazionali della società civile, agli attivisti e attiviste che animeranno il corteo del 23 luglio per le vie di Amsterdam, le istituzioni e le agenzie internazionali che operano sui temi della conferenza: dall’uso dei […]
Malattie respiratorie: i rischi e i costi della diagnosi tardiva. A Bari il convegno AIPO
«Le patologie polmonari, se non diagnosticate precocemente e non curate adeguatamente, portano a stati di malattia di rilevante impatto sul Sistema Sanitario Regionale». E’ l’allarme lanciato da Mauro Carone, presidente uscente della sezione pugliese dell’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri (AIPO) e membro del Comitato Esecutivo Nazionale della stessa, che venerdì 25 maggio si riunisce a Bari […]
Aipo, “Orizzonti in Pneumologia”: l’ottava edizione a Verona
Si terrà a Verona il 15 e 16 Febbraio, presso il Palazzo della Gran Guardia, l’ottava edizione di “Orizzonti in Pneumologia”, evento organizzato dall’Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri (AIPO) che si propone di fare il punto sulle più recenti scoperte e sulle prospettive future nell’ambito delle malattie respiratorie. A dare il via ai lavori, dopo i […]
Criobiopsia transbronchiale, a Ravenna esperti da tutto il mondo
Innovazioni, analisi e nuove linee guide sulla diagnostica delle malattie polmonari più diffuse: è ciò di cui si parla a Ravenna fino all’11 Ottobre, presso la prestigiosa Biblioteca Classense. L’occasione è la IV edizione del Meeting “Transbronchial cryobiopsy in diffuse parenchymal lung disease”, evento internazionale che richiama in Italia esperti provenienti da tutto il mondo (Europa, Asia, […]
Non solo ai polmoni, l’inquinamento nuoce anche al cervello. L’intervista a Giovanni Viegi
Dall'Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri l'intervista a Giovanni Viegi, ricercatore del Cnr di Palermo in occasione del 44esimo Congresso della Pneumologia italiana
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Lavoro

Tasse e contributi, come non sbagliare la dichiarazione. La guida completa alla compilazione del Modello D

Entro il 31 luglio i camici bianchi che hanno svolto attività libero professionale nel 2017 devono compilare nell’area riservata Enpam il Modello D. Ecco come scegliere le aliquote, come calcolare ...