Contributi e Opinioni 13 febbraio 2018

#adottaunpolitico, Quici: «l’assordante silenzio dei partiti sulla questione sanità»

di Guido Quici, Presidente Cimo

di Guido Quici

«In questi giorni di campagna elettorale e di acceso dibattito politico, diventa assordante il silenzio dei partiti sulla ‘questione sanità’, cioè sullo stato attuale e sul futuro della salute dei cittadini italiani». È quanto afferma Guido Quici, presidente del sindacato dei medici Cimo-Cida, la confederazione dei dirigenti e delle alte professionalità del pubblico e del privato.

«Un’assenza purtroppo prevedibile e che testimonia la difficoltà della politica nel dire chiaramente ai cittadini che il nostro servizio sanitario non è più universalistico, né sostenibile e che l’accesso alle cure non è uguale per tutti. Celebriamo, quindi, i 40 anni della legge 833 costatando, tuttavia, che sono venuti meno i principi ispiratori, ad iniziare dal mancato superamento degli squilibri regionali, alla inadeguatezza dei Lea, fino al pericolo del ritorno a un sistema mutualistico dall’attuale sistema universalistico», dice Quici sottolineando che «è necessario conoscere, ora, la visione che ha la politica sul futuro del sistema salute».

«Attraverso l’iniziativa #adottaunpolitico Cimo – spiega Quici – si dichiara fortemente interessata affinché il dibattito sulla sanità abbia pari dignità rispetto alle altre tematiche del Paese. Adottare un politico significa condividere un progetto comune che dia ai cittadini la garanzia di accesso alle cure e ai professionisti della salute dignità e forte motivazione per un lavoro complesso ma, oggi, volutamente dequalificato».

«A tutti i partiti impegnati in altisonanti proclami e discutibili promesse, Cimo-Cida chiede, insomma, l’impegno per un rientro della sanità nella propria agenda politica e in quella del futuro governo e, infine, pretende che sia riconosciuto formalmente l’impegno dimostrato in questi anni di lunga crisi economica dei medici e delle professioni sanitarie a difesa e sostegno del nostro Ssn. È questo il senso della nostra provocazione a voler ‘adottare’ i politici di buona volontà».

Articoli correlati
Contratto, sbloccato l’Atto di indirizzo, Quici (Cimo): «Se c’è vera volontà di chiudere revocheremo lo sciopero»
Il Presidente della Cimo Guido Quici a Sanità Informazione: «Sotto elezioni tutti vogliono dimostrare di voler chiudere i contratti, ma dobbiamo vedere come. Se è l’ennesima presa in giro per tacitare il mondo sanitario, non firmiamo e confermiamo proteste»
Sciopero medici: «Cittadini e camici bianchi insieme contro lo ‘smagrimento’ del SSN» l’intervista al Presidente Quici (Cimo)
«Il Sistema Sanitario Nazionale è come un acquedotto che perde acqua: a voler riempire il bicchiere ci sono i cittadini e i sanitari che rimangono a bocca asciutta» così Guido Quici, Presidente Cimo
Mobilitazione medici, manifestazione a Piazza Montecitorio e confermato sciopero il 12 dicembre
Palermo (Anaao): «Necessaria assunzione di responsabilità politica per evitare taglio dei servizi e la protesta di 650mila addetti del SSN». Ecco le ragioni dello sciopero
Rinnovo ACN, Silvestro Scotti (Fimmg): «Condivisione di responsabilità per tutelare i diritti incomprimibili»
«Perfezionare un sistema specifico per il medico generico, riconoscendone autorevolezza ed aspirazioni» l’intervista al Segretario Fimmg
Rinnovo contratto, Quici (CIMO): «Ci stiamo avvicinando allo stadio terminale del SSN»
«A queste condizioni noi non abbiamo intenzione di avvicinarci al tavolo contrattuale. Collaboreremo solo se il Governo cambia strategia e decide di investire nella sanità». L’intervista al Presidente CIMO Guido Quici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici specializzandi, storica sentenza della Corte UE: «Risarcimenti triplicati e non scatta la prescrizione»

Simona Gori, (Direttore Generale Consulcesi): «Dopo 20 anni la Corte Ue conferma quanto abbiamo sempre sostenuto. Ora si apre una nuova giurisprudenza che i Tribunali dovranno recepire in tutti i gra...
Salute

Contratto medici, partita la trattativa. Sciopero revocato, ma l’aumento deve superare gli 85 euro

Partita all'Aran la trattativa per il rinnovo del contratto dei medici. Il primo effetto concreto è stato la revoca dello sciopero fissato per il 23 febbraio. Ma per arrivare alla agognata firma atte...
Lavoro

Scadenze fiscali: slitta all’8 febbraio il termine per invio dati tessera sanitaria. Ecco le altre date…

Stefano Rigo, Presidente della Commissione Fisco FIMMG: «Gli MMG hanno un’organizzazione fiscale semplice ma pagano lo scotto della posizione tra liberi professionisti e ‘pseudo-dipendenti’». ...