10
OTT17

Nuovo regolamento UE per i dispositivi medici

  • Milano Via Stamira D'Ancona, 27, Milano, MI, Italia
  • Ramada Plaza Milano
  • 10 Ottobre 2017
  • 10 Ottobre 2017

Ore 10 – 17,00
Con l’entrata in vigore del Nuovo Regolamento UE sui Dispositivi Medici (25 maggio 2017), le Aziende del settore hanno 3 anni di tempo per adeguarsi ai nuovi requisiti e adempimenti previsti dal Regolamento che avrà piena e inderogabile applicazione a partire dal 26 maggio 2020. La giornata di studio ha lo scopo di analizzare il nuovo quadro regolatorio per i dispositivi medici e le principali novità introdotte con alcuni focus specifici evidenziati grazie alle domande pervenute dalle Imprese associate.

Il Tavolo Interassociativo per i Dispositivi Medici nasce nel 1999 dalla collaborazione tra le associazioni ASSOTTICA, COSMETICA ITALIA e UNIDI, con l’obiettivo di approfondire le tematiche e gestire le criticità legate ai dispositivi venduti sul mercato privato, siano essi ad uso professionale o destinati all’utilizzo diretto del consumatore.

Per info e programma: Tel. 02/70061225 | E-mail: segreteria@unidi.it

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

INTERVISTA ESCLUSIVA: «Ecco come prevederemo il cancro con una semplice analisi del sangue»

L'intervista alla Professoressa Paterlini – Bréchot: «Il metodo ISET permette di riscontrare la presenza di cellule tumorali in chi ha avuto un tumore e chi è a rischio molto prima rispetto ai me...
Salute

Centrifugati, verdure e succhi di frutta “veri”. I consigli della pediatra per salvare i bambini dall’influenza con la natura

La dottoressa Ricottini, ai microfoni di Sanità Informazione, spiega quali sono i migliori rimedi naturali per combattere e prevenire i sintomi dell’influenza. E sui “dolori della crescita”…
Politica

Firmato contratto per gli statali. Dal 2018 aumenti e tutele sanitarie aggiuntive

Incassata la prima sigla per il rinnovo dei contratti della PA: per 250mila dipendenti sono in arrivo moltissime novità tra cui tutele sanitarie aggiuntive. Si tratta di un risultato storico perché...