10 gennaio 2018

Antonio Spera

Presidente e Amministratore Delegato di Ge Healthcare Italia

A partire dal 2 gennaio 2018, Antonio Spera è il nuovo Presidente e Amministratore Delegato di Ge Healthcare Italia, divisione medicale di General Electric, leader nel settore delle tecnologie medicali, dei farmaci diagnostici e dei sistemi digitali per la Sanità. Nel nuovo ruolo, Spera avrà il compito di consolidare la leadership della divisione medicale di General Electric in […]

A partire dal 2 gennaio 2018, Antonio Spera è il nuovo Presidente e Amministratore Delegato di Ge Healthcare Italia, divisione medicale di General Electric, leader nel settore delle tecnologie medicali, dei farmaci diagnostici e dei sistemi digitali per la Sanità. Nel nuovo ruolo, Spera avrà il compito di consolidare la leadership della divisione medicale di General Electric in Italia, valorizzando un ampio portafoglio di soluzioni che va dai dispositivi di diagnostica per immagini a radiofarmaci e mezzi di contrasto, passando per le tecnologie per la sanità 4.0, fondamentali nel processo di digitalizzazione che secondo GE può consentire al sistema sanitario nazionale di migliorare la propria efficienza, riducendo i costi e incrementando la qualità delle cure.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Autodimissioni medici, turni massacranti e poco personale. Leoni (FNOMCeO): «Ecco perchè si lascia ospedale»

Il vicepresidente della Federazione degli Ordini ha coniato il termine per spiegare la fuga dei camici bianchi dalle corsie: «Sono sempre più i medici ospedalieri che, per il basso livello della qua...
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Lavoro

Tagli alle pensioni, a rischio i medici? Cavallero (Cosmed): «Penalizzato anche chi è a 3700 euro. Veri risultati si ottengono con lotta all’evasione»

Il segretario generale della Confederazione: «Dal taglio delle cosiddette “pensioni d’oro” si potranno distribuire meno di 4 euro al mese. Così si apriranno solo contenziosi per lo Stato. Chi ...